Welfare. Per Bertinotti le modifiche vanno fatte in Parlamento

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Welfare. Per Bertinotti le modifiche vanno fatte in Parlamento

17 Ottobre 2007

Difficilmente “il protocollo sul
welfare può essere modifcato in Consiglio dei ministri, mentre è  il
Parlamento “nelle condizioni” di “apportare modifiche” nel rispetto
dell’accordo e del voto dei lavoratori”. E’ quanto ha affermato stamattina Fausto Bertinotti.

“Sul percorso del protocollo sul welfare – ha proseguito il Presidente della Camera – sono evidenti due cose:
la sede del Cdm è difficilmente una sede di modificazione di un
accordo pattuito tra il governo e le parti sociali e sottoposto a
consultazione dei lavoratori. L’assemblea parlamentare è sovrana ed è nelle condizioni di
apportare modifiche, rispettando l’accordo e la consultazione dei
lavoratori che ha dato un risultato di consenso ma ha messo in luce
aree problematiche di dissenso. Il Parlamento è indiscutibilmente
nelle condizioni di esercitare la sua sovranità apportando quelle
eventuali modificazioni che ritiene oppoprtune”, ha concluso
Bertinotti.