WhatsApp come Apple? Cook a FBI: “Sono molto offeso”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

WhatsApp come Apple? Cook a FBI: “Sono molto offeso”

17 Marzo 2016

"Sono offeso. Molto offeso" dalle accuse dell’Fbi, così il numero uno di Apple, Tim Cook, risponde a chi maligna sulle buone intenzioni del gigante Usa con l’FBI nella disputa sullo sblocco dell’iPhone di uno dei terroristi di San Bernardino. In una intervista al Time, Cook ha confermato che Apple conferma la sua opposizione alle richieste del Federal Bureau, spiegando che all’interno dell’azienda "abbiamo avuto un lungo dibattito" e la decisione di rispondere picche "è stata elaborata. Non ero io in una stanza a decidere".

 

Il caso per Apple era già chiuso a febbraio ma poi la Fbi ha chiesto e ottenuto il via libera delle corti americane allo sblocco del telefonino. "Quando penso alle liberta’ civili, penso ai principi alla base di questo Paese," ha detto Cook, "alle libertà che sono nel Primo Emendamento, ma anche al fondamentale diritto alla privacy", cioè alle informazioni contenute negli smartphone, informazioni sanitarie, finanziarie, segreti di lavoro. All’Fbi che dipinge lo scontro come una scelta fra privacy e sicurezza, Cook replica: "E’ semplicistico e scorretto. Riteniamo che il governo debba premere per un maggiore criptaggio. E’ una grande cosa".

 

Dopo il braccio di ferro tra Apple ed Fbi, anche un altro gigante della comunicazione web, WhatsApp, potrebbe finire al centro di una battaglia legale destinata a cambiare le leggi americane in materia di crittografia. Il servizio di messaggistica di proprietà di Facebook ha annunciato di voler estendere nelle prossime settimane la crittografia "end-to-end", già disponibile per i messaggi tradizionali, anche alle chiamate vocali e ai messaggi di gruppo.

 

Una mossa che nell’ambito delle leggi in discussione attualmente al Senato negli Usa potrebbero spingere il sistema giudiziario americano a mettere nel mirino anche Whatsapp, una applicazione che viene attualmente usata da un miliardo di utenti nel mondo. Marc Zuckerberg farà la fine di Cook? Ma nel caso di Whatsapp, come si chiedono gli esperti, impedire la crittografia basterebbe a impedire alcuni reati come quelli del terrorismo?