Albania. Frattini: “L’Italia appoggia la sua integrazione nell’Ue”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Albania. Frattini: “L’Italia appoggia la sua integrazione nell’Ue”

16 Settembre 2009

Il ministro degli Esteri Franco Frattini ha ribadito l’appoggio dell’Italia all’ingresso dell’Albania nell’Unione Europea in un messaggio di congratulazioni al collega del nuovo governo di Tirana, Ilir Meta.

"Il nuovo governo albanese – scrive Frattini – è atteso da prospettive di grande rilievo e da parte italiana non si mancherà di offrire tutto l’opportuno sostegno alla loro realizzazione: penso, in particolare, al raggiungimento del traguardo europeo. Ciò, anche sulla scia della recente importante adesione dell’Albania alla NATO, sancita dal Vertice atlantico di Strasburgo/Kehl dello scorso aprile, per il quale pure il nostro Paese si era fortemente adoperato".

"L’Albania, come ho avuto modo di sottolineare in occasione della mia vista del 27 ottobre scorso – scrive ancoraFrattini – ha compiuto passi significativi, e talvolta anche non agevoli, nel suo percorso di avvicinamento alle istituzioni euro-atlantiche, un cammino di cui occorre ora percorrere con uguale determinazione l’ultimo tratto e lungo il quale il governo di Tirana potrà continuare a contare sull’amicizia e il sostegno dell’Italia. In questo spirito, la sua pregressa esperienza costituisce una solida garanzia".

"Sul piano bilaterale – nota infine il titolare della Farnesina – Roma e Tirana sono legate da un’eccellente cooperazione che trova salde radici nei profondi sentimenti di amicizia che legano i nostri popoli. Un rapporto bilaterale che desideriamo continuare ad approfondire ed ampliare, anche in un’ottica di cooperazione regionale che vede i nostri Paesi impegnati in prima fila".