Home News Alitalia:che ci fa Toto (Air One) da Bertinotti?

Alitalia:che ci fa Toto (Air One) da Bertinotti?

0
6

L’Alitalia sta per finire in salsa alla amatriciana. Se le autorità nazionali ed europee sulle gare d’appalto non fermano la stravagante procedura che pare essere in corso, l’Italia rischia di finire al di fuori dell’euro e della stessa Ue.
 Andiamo con ordine.
Oggi 26 luglio, il flemmatico Ministro dell’Economia e delle Finanze Tomaso Padoa-Schioppa riferisce alle pertinenti Commissioni parlamentari sul presente e sul futuro della compagnia di bandiera. Un’audizione corretta, anzi doverosa, visto il pasticciaccio brutto del beauty contest inconcludente. Quasi a volere incidere sull’audizione e sui suoi risultati, un comunicato sui televideo di prima mattina informa il colto e l’inclito che il principale azionista di Air One  ha avuto una riunione con il Presidente della Camera dei Deputati Fausto Bertinotti (il quale nulla a che fare con gare ed appalti di aviolinea – al più per quelli relativi agli affitti ed alla cancelleria dell’organo costituzionale che presiede) per informarlo che è pronto a formulare un'offerta vincolante se il capitolato viene modificato sotto alcuni aspetti (i livelli occupazionali, il vincolo a non rivendere entro un certo numero di anni). Un passo del tutto improprio in quanto solo nei Paesi del quarto mondo (neanche in quelli del terzo) si è visto un partecipante ad una gara rivolgersi ad un’autorità istituzionale e politica al fine di fare cambiare il capitolato, entrando così in una trattativa privata. Quando un episodio del genere avvenne in Costa d’Avorio, la Banca Mondiale bloccò tutte le operazioni nel Paese ed il Capo dello Stato ritornò sui suoi passi.
 Non è solo una questione di garbo ma di leggi scritti e di lex mercatoria per le transazioni finanziarie e commerciali internazionali. Ove il tête-à-tête avesse un seguito, non solo la gara dovrebbe essere riaperta a tutti gli eventuali concorrenti ma il Governo Prodi dovrebbe chiudere, per decreto legge, tanto l’antitrust quanto la commissione di vigilanza sugli appalti e chiedere all’Ue una sospensione “sine die” dalle regole europee.
Nel frattempo, ci stiamo coprendo di ridicolo sulla stampa di tutto il mondo.


  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here