Home News Alle radici della pena di morte in America

Alle radici della pena di morte in America

1
1

Non c'è niente che delizi di più l'antiamericanista nostrano (ed europeo) che puntare il dito contro la barbarie della pena di morte in vigore negli Stati Uniti, una sorta di simbolo di quell'impero del male di marca occidentale che con una mano dice di voler esportare la democrazia, e con l'altra manda i propri cittadini sulla sedia elettrica o di fronte al plotone di esecuzione. E come resistere alla tentazione di aggiungere, con sorriso saccente, che proprio quello stato che ha prodotto il presidente George W. Bush, il Texas, è il maggiore responsabile di esecuzioni capitali (366 dal 1976 al 2006), mentre quello che ha dato i natali alla famiglia Kennedy, il Massachusetts, è uno dei dodici stati (più il District of Columbia) in cui la pena di morte è stata abolita?

Non abbiamo dubbi sul fatto che la pena di morte prima o poi verrà abolita in tutti gli Stati Uniti, vale a dire negli stati che ancora non l'hanno fatto, nonchè a livello di persone colpevoli di reati federali e sottoposti a giurisdizione militare. Se ognuno di noi può dare il suo giudizio morale sulla liceità della pena di morte, quel che è certo è che ogni revisione di processo che porti alla scoperta dell'innocenza del presunto colpevole (già giustiziato o in attesa di giudizio), ogni esecuzione di un esponente di una minoranza etnica o di una donna (anche se bianchi e donne sono stati rispettivamente il 57% e l'1% del totale), e ogni film di successo (come non ricordare Il miglio verde, il film con Tom Hanks del 1999) non fa che rafforzare la causa degli abolizionisti. Coloro che sono invece a favore della pena di morte non potranno mai dimostrare che la pena capitale è servita come deterrente a nuovi crimini e ha migliorato la società, non esistendo alcuna controprova certa e definitiva.

Anche nel caso della pena di morte, in realtà, gli Stati Uniti rappresentano una realtà non univoca e in perenne mutazione.  C'è da una parte un grande rispetto della legge, tanto della lettera quanto dello spirito della stessa. "It's the law" ("Così dice la legge") è una frase ricorrente tra gli americani, in politica, nelle aule di tribunali, così come nelle strade e nelle famiglie, quando nel nostro paese ci si riempe la bocca di "rispetto della Costituzione" (e dell'impossibilità di modificarla), mentre la fiducia nella legge e della sua applicabilità è praticamente uguale a zero. E dunque, negli Stati Uniti, finché la pena di morte è legge e rimane una prerogativa degli stati, questa va applicata fino in fondo (anche se il buon senso sempre più ne posticipa il momento finale).

Ma dietro alla pena di morte c'è anche, per quanto ciò possa sembrare contraddittorio, l'ottimistica speranza che l'applicazione della legge sia effettivamente l'espressione di una volontà popolare, che così controlla le sue deviazioni  e i suoi eccessi, rendendo possibile la convivenza tra le persona e il miglioramento della società. Al di là degli eccessi, degli errori, degli intenti punitivi, dei linciaggi (i famosi mob lynching) razziali e non, insomma di tutti quegli episodi di cui è punteggiata la storia americana prima e dopo la Rivoluzione, e che spesso vengono attribuiti allo "spirito della frontiera" e alla voglia di vigilantismo, resta nella società americana la fiducia nel fatto, quando il due process of law sia stato rispettato fino in fondo, il risultato non possa che essere il compimento della giustizia e, nel contempo, un passo verso un mondo migliore per i law abiders, coloro che la legge la rispettano tutti i giorni. Personalmente, siamo contro la pena di morte perché riteniamo che non serva a migliorare la società. Ma restiamo pieni di ammirazione per una società, come quella americana, che da una parte continua ad applicare le sue leggi fino in fondo e dall'altra le rimette continuamente in discussione, ma sempre rispettando, fino in fondo, il due process of law.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. pena di morte
    A me non interessa che la pena di morte migliori la società,o sia un deterrente contro il crimine(sebbene penso che in tal senso un certo effetto lo abbia);io sono a favore perchè,in alcuni casi,la ritengo istintivamente giusta così come è giusto cedere il posto ad una persona anziana in autobus,premiare chi a scuola si comporta meglio e si impegna di più o avere il diritto di difendere la tua famiglia quando viene aggredita se sei in condizione di farlo e niente e nessuno al mondo potrebbe farmi cambiare idea in tal senso,anzi,in talune circostanze estreme il colpevole dovrebbe subire anche qualche tipo di “trattamento preliminare”.
    Ovviamente l’imputato ha diritto ad un giusto processo,non riguardo i cavilli procedurali ma la diligenza e la grande accuratezza nella conduzione delle indagini,e non devono sussistere ragionevoli dubbi sulla sua colpevolezza.
    Non mi dilungo ad elencare i casi per cui ritengo appropriata la pena capitale perchè esula dalla discussione di principio.
    Ragionamenti naif che faranno inorridire dotti ed illuminati studiosi?Figuriamoci,a volte un granello di buon senso vale più di mille libri,e lo dico da avido lettore.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here