Chissà come l’avrebbe pensata Lenin se avesse conosciuto Colaninno?

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Chissà come l’avrebbe pensata Lenin se avesse conosciuto Colaninno?

23 Giugno 2008

“L’unica cosa che può essere attribuita a McCain  è l’essersi fatto abbattere sui cieli di Hanoi. Un atto che avrebbe dovuto essere sanzionato dalla Corte marziale” Dice Gore Vidal alla Stampa (23 giugno) Quando si decide di fare gli estremisti da vecchi bisogna essere pop come Vidal che accusa McCain di farsi abbattere apposta, non zombie come Furio Colombo che rimastica le solite accuse contro il Berlusca

“Non basta essere giovani, servono giovani di lungo corso” Dice Pierluigi Bersani alla Stampa (23 giugno) Magari calvi, emiliani, affabili e dalla parlantina sciolta?

“Il confronto con quanto ha fatto il governo Prodi è drammatico per Berlusconi” Dice Matteo Colaninno alla Repubblica (23 giugno) Il vecchio Lenin suggeriva di utilizzare come compagni di viaggio della lotta di classe anche borghesi dall’intelligenza non splendente. Se si esagera, però, la tattica diventa controproducente

“Abusando della funzione e del ruolo che gli hanno dato i cittadini con il voto” Dice Antonio Di Pietro al Corriere della Sera (23 giugno) Non si deve abusare di funzione e di ruolo sulla base del voto dei cittadini, si può farlo solo se si vince un concorso per funzionari pubblici (e solo, subito dopo essersi messi una toga nera sulle spalle)