Home News Cosa diavolo voteranno gli italiani al referendum sul nucleare?

La sentenza della Cassazione

Cosa diavolo voteranno gli italiani al referendum sul nucleare?

4
5

Il mondo è pazzo. La Corte di Cassazione, chiamata a decidere se il referendum sul nucleare fosse stato superato dalla sfilza di abrogazioni contenute nella legge 'Omnibus', ha preso una posizione che sarebbe ingiusto definire pilatesca. Ponzio Pilato, infatti, se ne lavò le mani. La Cassazione, invece, le mani se le è sporcate.

L'antefatto è questo: dopo l'incidente alla centrale giapponese di Fukushima, il governo ha cancellato tutte le norme che avrebbero consentito, in prospettiva, il ritorno al nucleare (e, poiché le parole sono importanti, va sottolineato che l'avrebbero consentito, non obbligato, e che il target di produrre il 25 per cento della nostra elettricità con l'atomo è stato più volte enunciato nelle dichiarazioni di un ex ministro, ma mai formalizzato in alcun documento avente effetti concreti, e dunque non ha altro significato che quello di una promessa elettorale). A questo punto, la Corte doveva dire se ciò avrebbe fatto saltare la consultazione – poiché il suo obiettivo era già stato raggiunto in maniera inequivoca, come in effetti é – oppure se residuassero delle norme sulle quali il quesito sarebbe "migrato".

Vale la pena riportare integralmente il testo dei commi su cui, secondo la Corte, per rispetto della volontà degli elettori dovrà vertere il quesito:

Articolo 5 (Abrogazione di disposizioni relative alla realizzazione di nuovi impianti nucleari):

1. Al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche, mediante il supporto dell'Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare, tenendo conto dello sviluppo tecnologico in tale settore e delle decisioni che saranno assunte a livello di Unione europea, non si procede alla definizione e attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia elettrica nucleare.

(...)

8. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano e acquisito il parere delle competenti Commissioni parlamentari, adotta la Strategia energetica nazionale, che individua le priorità e le misure necessarie al fine di garantire la sicurezza nella produzione di energia, la diversificazione delle fonti energetiche e delle aree geografiche di approvvigionamento, il miglioramento della competitività del sistema energetico nazionale e lo sviluppo delle infrastrutture nella prospettiva del mercato interno europeo, l'incremento degli investimenti in ricerca e sviluppo nel settore energetico e la partecipazione ad accordi internazionali di cooperazione tecnologica, la sostenibilità ambientale nella produzione e negli usi dell'energia, anche ai fini della riduzione delle emissioni di gas ad effetto serra, la valorizzazione e lo sviluppo di filiere industriali nazionali. Nella definizione della Strategia, il Consiglio dei Ministri tiene conto delle valutazioni effettuate a livello di Unione europea e a livello internazionale sulla sicurezza delle tecnologie disponibili, degli obiettivi fissati a livello di Unione europea e a livello internazionale in materia di cambiamenti climatici, delle indicazioni dell'Unione europea e degli organismi internazionali in materia di scenari energetici e ambientali. 

In sostanza, il comma 1 è puramente dichiaratorio – dichiara la volontà di abbandonare il nucleare – e privo di conseguenze concrete. Votandone l’abrogazione, forse gli elettori direbbero all’esecutivo che deve ritornare sui suoi passi e riprendere l’atomo in considerazione? L’abolizione del comma 8 è ancora più paradossale: esso non fa altro che impegnare l’esecutivo a produrre una "strategia energetica nazionale", obbligo a cui peraltro è tenuto da norme precedenti, al punto che una delle maggiori accuse delle forze di opposizione in tema di politica energetica è proprio l’assenza di adeguata pianificazione. La Corte, in sostanza, pare aver anteposto il senso "politico" del referendum al suo contenuto concreto, e così facendo ha dato vita a una situazione alla "Alice nel Paese delle Meraviglie".

Gli elettori crederanno di votare sul nucleare (a proposito: sarà divertente vedere come dovrà essere riformulata la pubblicità istituzionale al quesito), quando invece voteranno contro il suo abbandono e contro l’adozione di una strategia energetica nazionale. A suo modo, la Cassazione ci ha tutti trasformati in liberisti inconsapevoli: quei pochi di noi che hanno ragionato sulla mutazione del quesito, però, sono consapevolmente basiti.

  •  
  •  

4 COMMENTS

  1. Diciamo che andiamo a
    Diciamo che andiamo a votare, oltre che per l’acqua come bene pubblico e per impedire ogni impedimento legittimo che pari il deretano ai politici di fronte agli odiosi crimini di cui sono spesso accusati, andiamo a votare dicevo soprattutto per garantirci che il nucleare non abbia mai spazio nel nostro paese. La Germania fungerà da buon esempio. Come sempre sono avanti i tedeschi, e quando gli altri paesi inizieranno a smantellare impianti vecchi e non sicuri, i tedeschi produrranno energia pulita con sole, vento e acqua. Già ora, il solare, in Germania (dove il sole si vede poco) produce un livello altissimo di energia. Se noi non avessimo le mafie schifose che inquinano ogni impresa…
    Comunque la logica dice che, se in 30 anni ci sono stati 3 incidenti gravissimi con il nucleare, la media è di un incidente gravissimo ogni 10 anni. Se non eliminiamo il nucleare, nel giro di un secolo avremo reso inabitabile un terzo del nostro pianeta… vi pare giusto? Logico? pensiamo anche a chi verrà dopo di noi!

  2. sentenza sbalorditiva
    Oggi la Cassazione ha dato il via libera e ammesso il quesito referendario per il nucleare.
    Rimaniamo sinceramente sbalorditi dall’ennessimo uso politico della magistratura.
    La richiesta di abrogazione rimane quindi la stessa, ma invece di applicarsi alla precedente legge si applicherà alle nuove norme e dovrà essere modificato il quesito. Pensiamo sia davvero la prima volta ache accada una cosa del genere, si raccolgono le firme per un referendum abrogrativo e si vota per un altro!!! Infatti dobbiamo ricordarci che questo non è e non doveva essere trasformato in un refendum di tipo consultivo sul tema del nucleare. L’ARTICOLO 75 regolamenta i referendum e parla solo di referendum abrogativo. Dove sono i difensori della Costituzione? Ci chiediamo a cosa servono le regole se i primi che non le rispettano sono i giudici? gli organi di controllo dei giudici non dicono niente? A noi sembra tanto una decisione politica, il ruolo assegnato alla magistratura dalla Costituzione e’ un altro, qui siamo di fronte a giustizia creativa.

  3. Dubbio
    Da come si ripresentano le cose sorge spontanea una serie di domande che a mio avviso portano ad un unica decisione; Non votare nessun quesito! Son tutti e quattro un imbroglio e neppure ben organizzato, delle sinistre. Sopratutto il quesito sul nucleare e’ una nefandezza e la disinformazione circa l`argomento e’ catastrofica. Il nucleare va sostenuto con forza, il precedente referendum al riguardo ha provocato piu’ danni alla nostra economia che un reattore che salta in aria. Al nucleare non c`e’ alternativa al momento. Il prepotente bisogno, la grande quantita’ d`energia della quale servirci “da ieri”, non ci puo’ venir data dalle fonti alternative, tra l`altro molto inquinanti anch`esse. La Germania poi, il nucleare lo sta’ usando nonostante essa abbia carbone in quantita’ e non l`abbandonera’ mai! Non sara’ che i nostri disinformatori della sinistre vengano foraggiati da Francia & Spagna perche’ cosi se magna?

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here