Home News Dico sì al governo Monti ma con una strategia tutta politica

Il Predellino

Dico sì al governo Monti ma con una strategia tutta politica

10
100

La scelta di Monti, come ha detto Silvio Berlusconi, è ineludibile perché Monti è stato Commissario Europeo e in questa fase di crisi dell'euro, l’Europa cerca di esprimere una forma embrionale di governance. La moneta unica manca di uno Stato sovrastante e si affida a una forma surrogata di statualità, rappresentata dalla burocrazia di eccellenza delle istituzioni europee. Così in Grecia è toccato al vicepresidente greco della Bce, in Italia all’ex membro della Commissione Europea Mario Monti, e in Francia sarebbe toccato a Strauss Khan e così via.

Per questo, anche se esistono personalità con profilo e competenza prestigiose come quelle di Mario Monti, non ci sono candidati alternativi che abbiano rivestito un ruolo in un qualche sistema di governance delle istituzioni sovranazionali. Ci sarebbe stato, per curriculum, Lorenzo Bini Smaghi, ma la spigolosità del carattere e la difficoltà di relazione con la Banca d’Italia e con il mondo politico lo hanno messo fuori gioco.

Il Capo dello Stato ha forzato la mano avendo ottenuto un affidavit da parte di Mario Draghi. È evidente che la Bce è in grado di influire sull’andamento dello spread Btp–Bund e pertanto può usare quella leva come arma di moral suasion nei confronti del governo ancora in carica. Pensare ad un altro nome porta a una crescita dello spread che finisce per toglierci qualsiasi margine di trattativa.

Dunque occorre dare via libera al governo Monti. Semmai occorre caricarlo politicamente perché il prezzo da pagare in termini politici sia il più possibile distribuito tra tutte le forze politiche che parteciperanno alle prossime elezioni (e dunque non solo alle forze parlamentari attuali).

Il governo Monti deve assumere il profilo di governo di emergenza nazionale al quale è demandato il compito di fronteggiare una tempesta finanziaria paragonabile ad una devastante calamità naturale.

Per ottenere il risultato previsto al punto precedente, è necessario che il premier (e ministro dell’economia) sia espressione europea, mentre ad affiancare Monti dovrebbe esserci un gabinetto (sullo schema di quelli dei governi Craxi) che abbia al suo interno i leader delle forze politiche che sostengono il governo (o i loro uomini di più diretta fiducia politica).

Questo organo politico previsto al punto precedent e dovrebbe dare l’indirizzo politico della Nazione, cosa che di regola è riservato al premier uscito dalle urne. In questo modo il governo si trasformerebbe da tecnico a politico e coinvolgerebbe tutte le forze che concorreranno al voto nel 2013.

Questo schema offre alcuni vantaggi. Primo: impedirebbe a forze politiche esterne al Parlamento di lucrare sulle difficoltà delle forze politiche di governo che attingono agli stessi bacini elettorali; metterebbe anticipatamente fine alla canea che in queste ore si sta svolgendo tra i vari cantori della nota aria di Enzo Jannnacci “Entro anch’io, no tu no”). Costringerebbe le forze politiche a scelte lungimiranti visto che si dovrebbero poi misurare con le elezioni alle quali andrebbero guidate dalle forze selezionate.

Tutte le altre soluzioni sembrano porre una distanza, una riserva tra il governo e i partiti e rovescerebbero i conflitti in Parlamento, mettendo in perenne discussione la realizzabilità del programma. Dobbiamo sacrificare la “purezza” del rapporto con gli elettori alla ineludibile necessità di porre in sicurezza il reddito, il risparmio e il patrimonio delle famiglie. Per questo un governo Monti, con un direttorio che vedesse presenti Berlusconi (o Alfano), Bossi (o Maroni), Casini, Bersani (o Enrico Letta), Di Pietro (o ?), Vendola sarebbe quello più accettabile. Naturalmente tutti gli altri ministri sarebbero tecnici puri.

L’alternativa a questo governo politico non sarebbero le urne, ma il governo elettorale. Il Capo dello Stato, infatti, ha già fatto sapere che non lascerà che sia il governo Berlusconi a gestire le elezioni. E in caso di fallimento dell’ipotesi Monti, convocherebbe un personalità del centro destra come Pisanu o Pera e gli chiederebbe di mettere in piedi un governo destinato a durare sette mesi, fino a giugno, con il seguente programma: prestito forzoso, riforma elettorale, sostituzione CdA Rai con amministratore unico, nuova legge sulla campagna elettorale.

 

  •  
  •  

10 COMMENTS

  1. Valutazioni politiche
    Come militante PdL di Stracquadanio avevo già una pessima opinione. Questo suo plauso a Monti mi conferma nella pessima opinione e l’accresce, se fosse possibile. Il personaggio dovrebbe sparire dalla scena politica. È a questa gente che dobbiamo il disastro nel quale ci troviamo.

  2. no a tasse patrimoniali: ce ne sono fin troppe
    A mio parere c’è un principio ineludibile che va difeso: la separazione fra stato e cittadini. Se lo stato fallisce non può mettersi a rubare i beni dei cittadini. Anche perchè i creditori dello stato italiano sono in minima parte i cittadini stessi.
    La spesa pubblica ha un sacco di responsabili ma di certo non sono i cittadini comuni e i risparmiatori. I responsanili principali della spesa pubblica sono confindustria, i sindacalisti e la sinistra.
    Quindi se Monti serve a placare i mercati, bene, ma se questo governo Monti si mette a fare operazioni di stampo sovietico tipo patrimoniali o quant’altro, allora non va assolutamente bene.

  3. Fallito l’imprenditore
    Berlusconi e’ un imprenditore cacciato a calcioni nel fondoschiena dal mercato, ovvero dagli altri imprenditori.

  4. La forma surrogata di statualita’
    Viene francamente freddo a sentir parlare della prepotenza e delle pressioni in particolare della Commissione UE come una “forma surrogata di statualita'”. La cd burocrazia di eccellenza dell’UE non e’ stata eletta da nessuno, e sarebbe molto piu’ opportuno parlare di attacchi o limitazioni alla sovranita’ nazionale e popolare. Per esempio, Van Rumpuy non si deve permettere di affermare che l’Italia non ha bisogno di nuove elezioni, perche’ tale valutazione non spetta a lui. Similmente, la Lagarde del FMI non deve permettersi giudizi sulla credibilita’ o meno di Governi regolarmente eletti dal popolo. La democraticita’ dei Paesi occidentali non dipende dall’UE o dal FMI, ma dai sistemi democratici dei vari Paesi, ed istituzioni quali UE e FMI sono da intendersi quali al servizio dei Paesi.

  5. Visti il tipo di lettera
    Visti il tipo di lettera inviata al Corriere,il momento,le dichiarazioni successive,fossi l’onorevole avrei la decenza del silenzio.Considerato,fra l’altro,il non brillante pensiero.

  6. OK incondizionato al governo tecnocratico di Monti
    Anche se il futuro governo Monti avesse una maggioranza ridotta o addirittura non ottenesse la fiducia delle Camere, con ogni probabilità il Capo dello Stato lascerebbe a Monti la gestione delle eventuali elezioni anticipate. Altra scelta non avrebbe senso, anche al fine di assicurare un’oculata gestione di profilo tecnico della contestuale recrudescenza della crisi economico-finanziaria. Personalmente, cmq, mi auguro che il (nascente) governo Monti possa fattivamente operare fino alla scadenza elettorale del 2013. Allo stato attuale ho molta più fiducia nei tecnocrati che non nella casta dei mestieranti della politica, in massima parte protesi in primis alla tutela dei propri privilegi e dei propri interessi elettoralistici.

  7. Un commento pubblicato
    Un commento pubblicato si,uno no… Comunque ribadisco,che,a parte la qualità dell’articolo, molto molto discutibile,con proposte al limite della barzelletta,,uno come Stracquadanio dovrebbe avere la decenza di non parlare di politica per un bel pezzo.

  8. @ Carbonaro
    Che certi personaggi del PdL debbano sparire dalla vita politica è indubbiamente pacifico. Mi piacerebbe, a tal riguardo, conoscere il suo pensiero su tale sen. M. Gasparri, a mio avviso politico di secondo piano già all’epoca del M.S.I., periodo in cui veniva presentato in sicuri collegi della Calabria non essendone certa l’elezione in quelli di Roma e provincia. Il predetto, frequentatore di ambienti ecclesiastici in odore di massoneria, ha oggi avuto perfino l’impudenza di esprimersi a favore del primato della (sua parte) politica in antitesi al potere delle “logge” (sic!).

  9. Ci succhierà il sangue fino a mandarci in coma
    Monti non è stato messo li per aiutarci ad uscire dalla crisi ma per aiutare la finanza internazionale (Bildenberg e Trilaterale) di finire di comprarsi il nostro paese.
    Ne uscirà un mondo di schiavi costretti a lavorare fino alla morte per avere in cambio soltanto debiti.E chi non ha compreso questo , o è cretino o è colluso con il sistema .

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here