06 Febbraio 2010


Dona oggi

Fai una donazione!

Sostieni l’Occidentale

Il conformismo degli intellettuali nella patria dei senza vergogna

Onorevole, si vergogni! Macchè, mica stiamo parlando di un sentimento da branco leonino. La vergogna è individuale, ontologicamente non conformista. Come pretendere che si vergogni dei brutali errori commessi la casta di intellettuali ipocriti e ciarlatani d’assalto che da sempre si conforma alla conformità? Basta chiederlo a Pierluigi Battista, che nel suo appassionato I conformisti. L’estinzione degli intellettuali d’Italia (Rizzoli, pag. 222, euro 18) traccia una spietata e accurata carrellata degli orrori mentali prima che culturali dei benpensanti de noantri, immergendosi nel brodo acido delle pecche intellettual-politiche che condizionano a tutt’oggi la Penisola già di Dante e Beccaria, di Manzoni e Calamandrei, di Flaiano e Buzzati.

Perché il “Pigi” di via Solferino – giornalista ed editorialista di quotidiani come Stampa e Corriere, nato e cresciuto nelle file della sinistra “di destra” – ne ha per tutti. E allora giù sugli “occhiuti guardiani dell’ortodossia” laicista, che in nome della distruzione della Chiesa ne hanno edificata un’altra, questa sì gretta e oscurantista, assuefatta alla protesta contro le tonache complottarde, ma estranea al confronto sul senso della vita; giù sull’Onu che dietro la facciata dei diritti umani copre i più terribili assassinii in Libia, Iran, Sudan e chi più ne ha più ne metta; giù sui comunisti irredenti, che continuano a sentirsi “post” senza avere elaborato il proprio passato di “ex”, e per questo incapaci di un’analisi veritiera di cosa sia stata l’utopia bolscevica anche in Italia; giù sugli “schizo-ideologi” alla Josè Saramago propugnatori del “pensiero impaurito” e della morale doppia, che vedono sempre benissimo la pagliuzza nell’occhio altrui ma mai la trave nel proprio, e pazienza se molti si professano credenti. Tutti, soprattutto, senza vergogna. Si salvi chi può. Che batosta, Battista.

Del resto, lo sappiamo. L’Italia è un paese di anticonformisti, a parole. E allora, se tutti lo sono chi lo è veramente? Come per la santità: tutti doverosamente vi aspirano, ma in pochi la raggiungono alla fine dei giorni; così è per l’anticonformismo. Solo che la prima è un insegnamento di Nostro Signore, il secondo una patologia devastante. Che per essere “fichi” e intelligenti bisogna per forza essere “anti”? Basterebbe l’unica conformazione possibile e salvifica, quella al buonsenso. Ed eviteremmo il passaggio dal pensiero debole di Gianni Vattimo al pensiero impaurito analizzato benissimo da “Pigi” Battista. Senza vergogna.

© The Front Page