Home News Il golpe di Hamas e la lezione per Prodi

Il golpe di Hamas e la lezione per Prodi

4
67

In queste ore a Gaza l’esercito di Hamas sta applicando con ferrea precisione e determinazione un piano militare lungamente studiato e elaborato sin nei minimi particolari. Una strategia militare palesemente guidata da esperti militari iraniani – come affermato dal ministro degli esteri egiziano - che permette loro di espugnare in sole 6 ore con 200 miliziani una strategica caserma di miliziani fedeli ad Abu Mazen difesa da ben 500 uomini. Un episodio da ricordare  per la ferocia degli assalitori che, una volta espugnata la caserma, hanno sparato alle gambe dei miliziani nemici fatti prigionieri. Perfetta strategia militare, eccellente preparazione militare e straordinaria ferocia da mattatoio – che ha finalmente svegliato persino le denunce  Human Rights Watch - che ben spiegano con i fatti dell’oggi per quali ragioni da 80 anni in qua non sia stato possibile stringere un accordo tra sionisti e palestinesi.

Ma questa eccellente prova di forza militare, questa vittoria piena di Hamas a Gaza, questa pericolosissima proclamazione del primo Stato islamico terrorista sulle sponde del Mediterraneo, meritano una riflessione anche per quanto riguarda casa nostra, intendendo l’Europa.

Con tutta evidenza, gli accordi di Ryad che hanno portato alla costituzione del governo di unità nazionale palestinese sono serviti solo ad Hamas per rafforzare la propria presa sul territorio, i propri legami internazionali, il proprio armamento e per sfiancare ulteriormente al Fatah con una serie di una cinquantina di omicidi mirati.

Spiace dirlo , ma noi l’avevamo detto e scritto. Sin dal primo momento, un’analisi seria di quegli accordi portava ad un risultato e uno solo: è stato il trionfo politico di Hamas e la sconfitta di un Abu Mazen che non ottenne nessuna garanzia programmatica, nessun mandato a trattare con Israele e si accontentò, da piccolo uomo qual è, di alcune poltrone in un governo in cui era schiacciante minoranza, un governo che ha sempre irriso la sua strategia e non ha mai riconosciuto neanche il suo potere di comando.

Il trionfo militare di Hamas di queste ore è figlio di quel trionfo politico, favorito dalla totale incapacità di Egitto e Arabia Saudita – nonostante le loro vanesie proclamazioni, di influire minimamente nella crisi mediorientale e dalla opposta capacità dell’Iran e della Siria di continuare ad accumulare forze e terreno.

Ma quell’evidenza non fu tale per l’Europa. La Norvegia, palesemente inebriata da anni da ondate di antisemitismo di  sinistra, ha subito ripreso a finanziare Hamas, mentre l’Ue vedeva una indegna gara di suoi dirigenti auspicare di seguire subito le sue orme, considerando –come sempre  che il riconoscimento di Israele denegato con forza da Hamas e Haniyeh non fosse assolutamente importante. Romano Prodi è stato il primo tra questi e è arrivato sino a sostenere che – in fondo - questo è un obbiettivo da conseguire, non una precondizione. Anche per il cattolico Prodi, infatti, il fatto che lo Stato degli ebrei possa respirare liberamente ha da essere solo “una prospettiva”, non un diritto naturale,  acquisito,  immediato.

Inebriato da tali prospettive, Romano Prodi il 22 aprile scorso ha pronunciato parole che è bene rileggere ora, perché danno in pieno il senso di una miopia politica, di un pressappochismo, di una vocazione all’errore che hanno dell’epico. Ricevendo a Roma Abu Mazen, il premier italiano  infatti ha detto: “Con la formazione del governo di unità nazionale palestinese si è finalmente attivata una dinamica politica che sarebbe colpevole non cercare di agevolare”. Gli fece eco D’Alema che il 24 aprile dichiarò che quel “governo veniva considerato anche in seno all’Ue  un'importante novità” e che qualche giorno fa è arrivato a sostenere – come rilevato dall’Occidentale - che anche Hamas si era dissociata dal terrorismo libanese di al Fatah al Islam.

Ora, Prodi e D’Alema guardino al campo di battaglia di Gaza, prendano per le orecchie il sottosegretario Bobo Craxi che si congratulò con Haniyeh e vadano tutti e tre, di persona, a difendere gli uomini di al Fatah maciullati da quelli di Hamas, esattamente come per 80 anni i sionisti sono stati maciullati da palestinesi guidati ora dal Gran Muftì, ora da Arafat, ora da Hamas, capaci solo di uccidere e totalmente votati al rifiuto di ogni logica di trattativa e mediazione.

Non lo faranno, continueranno a dire a non dire che anche del mattatoio di Gaza la responsabilità è di Israele, senza rendersi conto –da incapaci quali sono - che in tale modo hanno fatto, fanno e faranno un pessimo servizio al popolo palestinese e anche all’imbelle Abu Mazen.

  •  
  •  

4 COMMENTS

  1. Europa antisionista (o ancora antisemita?)
    Il problema è che le persone che abbiamo al governo sono a priori senza se nè ma filo-palestinesi ed anti-israeliani (oltre che anti-americani e anti-occidentali in generale). La cosa assurda è che si dichiarano progressisti ed invece si schierano contro l’unica democrazia esistente in quell’area. Ma è un problema europeo. Sono le elite culturali europee che difendono ad oltranza certi regimi oscurantisti. E sono i politici europei che finanziano abbondantemente i terroristi palestinesi, facendo finta che quei soldi debbano andare ai profughi o al popolo palestinese… Mi domando se Sarkò con la Merkel riuscirà a cambiare un po’ questo corso. Hanno dalla loro la maggioranza della popolazione ma completamente contro il mondo della cultura e della stampa, i media in generale. Ma se questa sfida verrà persa Israele si troverà ad un punto di non ritorno. E subito dopo pure l’Europa stessa.

    Simmaco
    http://www.atlanticpeople.splinder.com

  2. Concordo pienamente con
    Concordo pienamente con l’articolo e il commento qui sopra. Il fatto che Prodi e D’Alema applichino ancora la fallimentare (e indolente) politica dell’equivicinanza di andreottiana memoria è una prova schiacciante dell’inadeguatezza della classe politica attuale, che si rifà a modelli universalmente riconosciuti come sbagliati, ma perpetrati dall’ “intellighenzia” che sogna ancora col motto di “peace and love” (ma che intanto ha ancora in mano le redini della cosiddetta “cultura”).
    Ho speranza in Sarkozy, ma alla prima sbandata su una qualsiasi buccia di banana giuro che lo mollo.

    La gaiezza con cui D’Alema, Prodi e RC hanno plaudito la missione in Libano non è che la prova del nove: non sanno una cicca dei problemi del medio-oriente e tentano disperatamente di farsi amici tutti, ‘ché prima o poi fa sempre comodo. Con questa logica il conflitto israelo-palestinese (ed ora palestinese-fatricida) dura da 60 anni e ne durerà altri 60 se qualcuno con le “palle” non farà qualche cosa.

  3. Il progetto di una nazione
    Il progetto di una nazione palestinese è stato ucciso dai palestinesi stessi, non è mai nato uno stato credibile con i governanti corrotti che vi erano, compreso Arafat : la pochezza dei nostri governanti attuali ne fa una cornice degna di questo fallimento, oggi attribuito ingiustamente e scioccamente ad Israele ! Sono perfettamente d’accordo con l’articolo.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here