Home News Il paese ha bisogno di riforme non del dialogo con l’opposizione

Affrontare la crisi/1

Il paese ha bisogno di riforme non del dialogo con l’opposizione

8
2

Siamo in un momento fondamentale per sorti del nostro Paese. Il modo in cui la classe dirigente italiana affronterà i prossimi dodici mesi, condizionerà la nostra capacità di sviluppo e di creazione di benessere per almeno un decennio.

L’Italia nei confronti della crisi finanziaria in atto è in una posizione di forza rispetto ad altri paesi indistrializzati, anche europei: il sistema bancario regge e reggerà (un mutuo sub-prime in Italia non verrebbe concesso neanche sotto la minaccia della armi), la propensione al risparmio degli italiani è proverbiale (l’utilizzo delle carte di debito è di gran lunga il più basso tra i paesi del G20) e compensa significativamente l’alto debito pubblico.

Dall’altro lato, l’Italia è in una situazione estremamente critica per quanto riguarda la crisi economica che seguirà quella finanziaria. Abbiamo sì un’imprenditoria diffusa che ama rischiare e ha spesso idee geniali (non parlo evidentemente né dei capitani coraggiosi, né delle grandi familglie proprietarie di giornali, di monopoli e di rendite), ma questo substrato positivamente operoso, non è purtroppo messo in grado di intraprendere liberamente. Paga tasse troppo alte, ha un costo del lavoro scandaloso, è oppresso da una burocrazia elefentiaca e costosa, non può servirsi di infrastrutture dignitose e paga ogni genere di servizio, dall’energia alla distribuzione, più di ogni suo concorrente estero. Quando la crisi economica arriverà (sta già bussando alle porte), questi nodi verranno al pettine, e nonostante le grandi idee e la voglia di rischiare, le aziende italiane perderanno di competitività, che significa meno ordini, che significa perdita di posti di lavoro.

Ci sono quindi due generi di crisi in atto per il nostro Paese. Quella finaziaria di cui tutti straparlano senza capirci un granché e quella organica, annosa che attanaglia l’economia italiana da almeno due decenni. Paradossalmente dobbiamo fregarcene della crisi finaziaria in atto, non è un nostro problema, e concentrarci finalmente sulla nostra organica incapacità di creare sviluppo. 

 

In questa direzioni, due sono le strade maestre.

In primis, liberare risorse. La spesa corrente è sperperata in mille rivoli improduttivi che alimentano rendite ed inefficienze. Ma perché un vegliardo di 58 anni deve andare in pensione, e una donna deve predere l’assegno INPS prima di un uomo, perché un dipendente pubblico fannullone deve vedere il suo stipendio aumentare anche se non ha prodotto nulla. Ed ancora, esiste una persona di buon senso che sappia spiegare a cosa serve una Provincia, o perché una TAC in Lombardia costa un terzo che in Calabria, o perchè un Comune deve essere azionista di maggioranza dell’azienda di autotrasporti cittadini e degli impianti che erogano luce e gas. E’ ragionevole che grandi quotidiani, governati da patti di sindacato che includono banche e grandi aziende, prendano svariati milioni di sussidi statali all’anno, è normale che esistano comunità montane in ridenti cittadine balneari, è ammissibile che esistano università dove il numero dei professori superà quello degli studenti?

Non è vero che non ci sono risorse. Basta avere il coraggio e la tempra per trovarle. Se poi qualcuno s’arrabbia, e sufficiente non leggere i sondaggi per qualche mese e fregarsene.

La seconda strada maestra e quella di favorire gli investimenti e la competitività delle imprese. E’ mai possibile che delle decine di miliardi di euro stanziati ormai da un quinquennio per infrastrutture pubbliche, ne siano stati spesi solo il 4%: tutto ciò non è solo scandaloso, ma è criminogeno. Ma è mai possibile che i no-TAV debbano decidere la politiche delle infrastrutture in Italia? Le opere pubbliche una volta decise si fanno, e se qualcuno ricorre al TAR, pazienza, si continua e nel caso gli verranno rimborsati i danni.

Ed ancora, liberalizzare; perché deve essere così complicato soprattutto per un governo che si definisce liberale. Gli ordini professionali, i servizi pubblici locali e tutto quanto è necessario affinché in ogni settore ci sia trasparenza e concorrenza.

Infine, serve una deregulation selvaggia della libertà d’impresa: un imprenditore deve poter aprire una sua impresa in pochi giorni come accade in ogni paese industrializzato, deve avere una ragionevole certezza delle regole e non passare la sua vita nei tribunali amministrativi per veder accolto un suo giusto ricorso, deve poter trattare la produtività nella sua azienda con la sua forza lavoro, deve poter dare al lavoratore la maggioranza del costo di quel lavoratore, deve avere infrastrutture e servizi a prezzi di mercato.

E per fare tutto questo, perché dovrebbe servire l’accordo dell’opposizione, perché dovrebbe servire il dialogo. Il governo non pensa che sia sufficiente il mandato ricevuto appena sei mesi fa dagli elettori?

Quando, se non ora, fare quelle riforme necessarie per liberare spesa corrente da dedicare allo sviluppo e agli investimenti? Quando, se non ora, chi ha responsabilità di governo e si definisce liberale, fare finalmente quella rivoluzione liberale indispensabile per liberare energie positive per lo sviluppo?

Quando, se non ora, tirare fuori il coraggio?

 

 

  •  
  •  

8 COMMENTS

  1. Milton, riforme o dialogo
    Milton, riforme o dialogo che sia, Lei, stavolta deve ammettere che comunque è vero che non esiste una questione morale nella sinistra! la questione è solo penitenziaria o domiciliare…

  2. Questione morale si,
    Questione morale si, questione morale no. Il discorso non mi appassiona: sono cresciuto nella consapevolezza che essendo di destra ho patologie amorali croniche condite da difficoltà culturali congenite, così mi è stato detto. Ed ormai me ne sono fatto una ragione.
    Sono allergico alle classifiche di moralità, ognuno convive con la propria e bisognerebbe evitare sempre di dare lezioni.
    Tutta questa discussione sulla questione morale è semplicemente un modo amorale di rimandare i problemi veri.

  3. tavoli e riforme
    Da quaranta anni o più sentiamo parlare di tavoli, concertazioni, e simili piacevolezze che divengono immobilismo e paralisi. Di contro, profittatori e furbi di ogni specie – ora annidati anche nei partiti – si arricchiscono alle spalle degli onesti, che impoveriscono – con tutto il Paese – sempre di più. L’articolo mette in evidenza un aspetto importante: i nostri problemi non sono tanto congiunturali, quanto strutturali, e sarebbe opportuno comportarsi in conseguenza. Bisogna assolutamente fare delle riforme, a cominciare dalla giustizia e dalla scuola: devono essere però serie e meditate, per evitare tentennamenti ed esitazioni come quelli ai quali abbiamo assistito recentemente. Bisogna usare la scure e l’intelligenza.

  4. Muoversi subito
    Articolo condivisibile ad eccezione del pensionamento delle donne che, secondo me, dovrebbe essere parificato a quello degli uomini non ex abrupto, ma gradualmente. Per quanto riguarda il resto, articolo ineccepibile. Una domanda: ma perché il Governo non si muove e va a rilento? Cosa aspetta ad intervenire con riforme importanti e strutturali della società che aiutino TUTTI? Se il Governo deluderà gli italiani, la prossima volta a vincere le elezioni e governare sarà l’IdV, dato che il PD è ormai alla fine … Intelligentibus pauca.

  5. milton, condivido talmente
    milton, condivido talmente tanto le domande che lei pone al governo che mi chiedo: secondo lei, milton, perché il governo questo coraggio non lo trova?

  6. Il futuro in ballo
    Milton chiede: sufficiente il mandato? Può non essere forte quanto serve: De Gaulle si ritirò con ben oltre il 50% di francesi dalla sua. “Troppo poco per quello che intendo fare” mi pare dicesse più o meno.
    In ultima analisi (è democrazia, no?) gli italiani hanno in mano la situazione, tutti sulla stessa barca (non Umberto Eco & C: che possono andar dove vogliono quando vogliono) nessuno può scegliere chi sta in barca con lui. Ad una classe dirigente – non strettamente politica – inetta nel senso più estensivo del termine, con una “vision” angusta sia in profondità sia in larghezza, spesso frustamente ideologica, di frequente addirittura meschina, corrispondono grandi quote di elettori appassionati di conflitti d’interessi e antropologicamente superiori, che marciano risoluti e bellicosi in piazza contro la crisi. Troppi. E la piazza di Lenin condiziona, così come condizionano le mille corporazioni (eh, sì!) con sinistri ai vertici. Possono tirare a picco la barca.
    Non ha un aspetto vecchiotto alla vista tanta parte d’Italia, paragonata a tanti (sempre di più) Paesi esteri? Quanta gente pensa che il denaro sia una cosa che si stampa alla zecca e che per far soldi si deve rubare? Forse nel primo dopoguerra ce n’era meno che la pensava così?
    Comunque il mondo viaggia; e c’è chi arretra. Noi?
    Tempi che si accorciano, e Milton ha ragione: se non ora, quando?

  7. Gran bell’articolo Sig.
    Gran bell’articolo Sig. Milton, come del resto è suo solito fare!
    Però più passa il tempo e più ho un dubbio, non è che rischiamo sempre di confondere il mancato coraggio con la capacità di fare le riforme?

  8. crisi finanziaria/1
    Sono d’accordissimo su tutta la linea e nel modo preciso con cui sig.Milton esprime le sue idee.Vorrei aggiungere, proprio perchè l’Italia è un paese dove il sistema statale/politico/legislativo funziona in maniera macchinosa per il 90% non porta risultati tangibili ai cittadini,che ci vorrebbe una bella insurrezione nazionale del ceto medio nei confronti del “palazzo” che non si muove,non riforma quindi non cambia il sistema italia.Vedo persone(età35-40 anni) imprenditori che tentano di entrare in politica,perchè non credono più nel fare impresa nel nostro paese:e questo posso comprenderlo.Ma il peggio è che vorrebbero arrivare alla politica per occupare una posizione privilegiata(che in Italia garantisce benefit,immunità,vitalizi) e non per portare avanti un’ideologia e una missione,che è la primaria della politica: ESEGUIRE LE NECESSITA’ DELLA CIVITAS,QUINDI MIGLIORARNE LA VITA.
    Io voglio vedere fatti,tavoli ribaltati se necessario:subito!
    Tantissimi saluti.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here