Home News Il Vaticano e la riserva di valori di Massimo D’Alema

Seguendo la stampa

Il Vaticano e la riserva di valori di Massimo D’Alema

3
3

“Immaginate un bambino che si vede arrivare in casa un gruppo di armigeri, accompagnati da qualche signora in cuffia bianca con una croce rossa” Dice Alessandro Del Lago sul Manifesto (11 luglio) A Del Lago piacciono di più verso questi bambini i metodi di cui hanno scritto i giornali di questi tempi: o vai a svaligiare quella casa o ti violento? 

“Nel Paese che continua a proclamare che la legge è uguale per tutti, dopo il voto di ieri e in attesa di quello del Senato il Cavaliere si avvia a diventare ‘più uguale’ dei suoi concittadini, sottraendo l’imputato Berlusconi al suo legittimo giudice che lo sta processando per reati comuni” Dice Ezio Mauro sulla Repubblica (11 luglio) Mauro nasconde un problemino: è la diciasettesima volta che i magistrati con tutti i pretesti e le invenzioni mandano a giudizio Berlusconi, che già oggi, in questo senso, è assai “meno uguale” dei suoi concittadini. Se si fanno ragionamenti ellittici, si finisce per somiglaire a una Sabina Guzzanti. E non solo per l’altezza 

 “Non pensi di essere la sola riserva di valori” Dice Massimo D’Alema alla Repubblica riferendosi al Vaticano (11 luglio) I valori di D’Alema, chi glieli custodisce? Nicola Latorre? 

“Esito circense” Dice Umberto Eco dice sulla Stampa (11 luglio) Geniali questi intellettuali di rango: riempiono di merda una piazza e, poi, vorrebbero che profumasse di violetta

  •  
  •  

3 COMMENTS

  1. Eco
    Scusate, ma Umberto Eco non era quello che “se vince il centrodestra mi trasferisco a Parigi?”.
    E’ ancora qui?

  2. Eco è apocalittico o integrato?
    chi scioglie il dilemma? Eco era integrato da giovane ed è diventato apocalittico da vecchio o è solo una banale faccenda di bottega?

  3. se per famiglia cristiana il NEMICO è giovanardi
    uno dei piu esperti e competenti fra gli uomini di cultura(non solo “cattolico”!)mi
    – giustamente!-
    fece notare che era un tantino fuori posto il mio “accanimento” contro alcune stortura di “avvenire”
    (a cui addirittura avevo dedicato un Sito/blog http://marinadirettore.splinder.com/ )

    Me ne rendo conto
    sempre piu
    (di quanto aveva ragione tale scrittore ed editore)
    sopratutto
    O R A
    che famiglia cristiana
    sta sferrando un attacco quasi senza precedenti al centro destra.
    E passi che il giornale dossettiano/prodiano
    (forse persino casiniano,chissà)
    se la prenda con berlusconi:
    diciamo che non è una novita.
    Il fatto che sorprende è che se la prende con i cattolici del Popolo della libertà!!!
    E, come sapete, fra i piu bersagliati vi è proprio quel Carlo Giovanardi
    che
    è
    fra
    i più attivi e corretti
    -e “coerentemente cattolici” in linea con la DsC-
    esponenti della politica italiana,
    ed oggi Sottosegretario alla Presidenza.

    Spero ora di non aver “sbagliato bersaglio” ancora:
    chè
    se con “avvenire”
    forse
    avevo un pò esagerato
    mi rendo conto che invece
    il settimanale paolino
    (proprio durante l’anno Paolino)
    ha ormai
    totalmente
    perso
    ogni bussola.
    Invito tutti a leggere l’ultimo numero appena uscito:
    ho contato
    almeno tre o quattro
    chiare invettive
    contro il governo
    ed il Popolo della libertà.

    Ma, è talmente evidente che i destinatari di tale campagna denigratoria sono i cattolici al governo
    e particolarmente carlo giovanardi
    ed i POPOLARI LIBERALI
    (che a “fc” temono così tanto da non menzionarli neppure, caso mai qualche loro lettore-sempre meno,e sempre meno cattolici- “scoprisse” la presenza dell’ormai vivo ed attivo Movimento che sta guidando il pdl verso il ppe.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here