Iran: Kian Pirfalak muore a 9 anni, la madre accusa il regime

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Iran: Kian Pirfalak muore a 9 anni, la madre accusa il regime

Iran: Kian Pirfalak muore a 9 anni, la madre accusa il regime

19 Novembre 2022

Iran. Kian Pirfalak aveva 9 anni e voleva fare l’ingegnere nella robotica. È morto ammazzato in uno scontro a fuoco a Izeh, tra le forze della sicurezza iraniane e i manifestanti che da settembre protestano contro il regime. Secondo la tv di stato iraniana, è morto per colpa dei “terroristi” quando uomini armati a bordo delle moto hanno attaccato le forze della sicurezza facendo sette morti.

La madre di Kian però smentisce la ricostruzione dicendo che le forze della sicurezza hanno “sparato ripetutamente” contro la loro macchina. Ammazzando suo figlio e ferendo il marito. Secondo la Ong Iran Human Rights di Oslo, da quando sono scoppiate le proteste per la morte della 22 Mahsa Amini, il regime ha fatto fuori 43 bambini e adolescenti nel corso della brutale repressione.

340 morti, 14 mila arresti

Complessivamente, sarebbero oltre 340 le vittime del pugno di ferro islamico, 14mila le persone arrestate in tutto l’Iran. Nei giorni scorsi, due quattordicenni, Sepehr Maghsoodi e Artin Rahmani hanno fatto la stessa fine di Kian nella regione del Khuzestan, dove si trova Izeh. Due mesi fa, la Polizia morale arrestava Mahsa Amini, la 22enne ritrovata senza vita in un centro di rieducazione. La polizia la aveva fermata perché non indossava correttamente il velo.

Il regime ha fatto arrestare altre ragazze, alcune morte. 48 ore fa i manifestanti hanno dato alle fiamme la casa museo di Khomeini, il padre padrone della Rivoluzione islamica del 1979. Erano anni che il regime clericale iraniano non veniva messo così sotto pressione. Ai funerali di Kian, le persone hanno gridato “morte a Khamenei”. Il premio oscar Farhadi ha scritto che “il sangue di quel bambino ricadrà su di voi”.

Il regime: “Cospirazione Usa e Israele contro Iran”

La coraggiosa attrice Hengameh Ghaziani ha accusato le autorità di ipocrisia “Parlate delle crudeltà commesse contro i bambini palestinesi ma il vostro nome sarà ricordato nella storia come un regime che ammazza bambini”. Giovani e donne sono alla testa di questa protesta che ormai comprende fasce non secondarie della società iraniana. Per il regime dei preti islamici, si tratta di “una cospirazione” ordita dagli Usa e Israele.