L’inverno demografico affligge tutta l’Unione Europea

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

L’inverno demografico affligge tutta l’Unione Europea

L’inverno demografico affligge tutta l’Unione Europea

18 Luglio 2022

L’inverno demografico è un problema italiano, ma anche europeo. Il trend complessivo dei Paesi membri dell’UE non è incoraggiante. Secondo i dati pubblicati da Eurostat, infatti, la popolazione dell’Unione Europea è diminuita per il secondo anno consecutivo. Siamo passati dalle 447.485.231 persone di inizio 2020, quindi appena prima dell’inizio della pandemia, alle 446.828.803 di gennaio 2022.

I dati Eurostat fanno preoccupare

Il Covid ha certamente fatto la sua parte, non ci piove. Ma l’inverno demografico non si spiega con una sola causa. La popolazione invecchia sempre di più, tanto è vero che una persona su cinque è over 65. Il tasso di natalità, inoltre, è sceso molto. Nel 2001 c’era un rapporto di 10,2 nati vivi ogni mille abitanti, oggi la quota è di 9,1. Il trend era chiaro e preoccupante già da prima, ma era mitigato dall’impatto positivo delle migrazioni. Con l’avvento della pandemia anche questa componente è diminuita.

L’Unione Europea immobile davanti all’inverno demografico

Nell’UE ci sono dei Paesi che hanno portato avanti delle best practices in termini di welfare familiare. La Svezia, per esempio, ha incardinato un sistema fatto da pochi e cospicui bonus, congedi parentali e scarsa tassazione. L’investimento è stato cospicuo, certo, ma nel lungo periodo ha ripagato e, nel frattempo, i governi che si sono succeduti non hanno banchettato coi fondi pubblici come è successo in Italia. In ogni caso, sembra che, inspiegabilmente, le politiche demografiche non siano al centro dell’agenda di Bruxelles insieme alla transizione ecologica e digitale.

La geopolitica della demografia

Al di là della scelta che prima o poi l’UE dovrà fare sull’immigrazione, è evidente che siamo di fronte ad un annoso problema geopolitico. Anche perché in Asia e in Africa, invece, la popolazione è destinata a crescere. Secondo l’Onu, nel 2023 l’India scavalcherà la Cina in termini di densità di popolazione. La Nigeria, esempio per africano per eccellenza, è pronta a vedere un boom di nascite. E allora, a maggior ragione, dovremmo porci il tema di come rapportarci con questi Paesi.