Home News La brutta sessualità di Pasolini: parliamone

La brutta sessualità di Pasolini: parliamone

4
159

Sono stato da sempre a disagio di fronte al modo con cui Laura Betti e gli amici di Pasolini hanno condotto la loro legittimissima battaglia per far luce sulla morte di Pier Paolo Pasolini e oggi questo disagio aumenta a fronte della decisione di Veltroni di riaprire con la forza istituzionale della sua carica questa vicenda.

Non ho la più pallida idea della consistenza delle ragioni dei fautori della tesi del ''complotto'', ne diffido, per principio, ma non mi stupirebbe sapere, alla fine, che complotto c'è stato.

Quello che mi mette a disagio è il fatto che a Pasolini sia sempre stata perdonata quella serata, quel comprare un ragazzo povero, quel suo amore per il sesso violento, quel suoe ssere ricco e potente e macho che ''se faceva er ragazzino''. Brutta sessualità, molto brutta, violenta di censo e di corpo. Per di più contrabbandata, in tutta l'opera pasolinana, per una ricerca di bucolica o georgica purezza originaria, corrotta dalla città capitalista. Un pasticcio artistico che mi è sempre stato indigesto. Un intrico umano che non mi attrae e mi respinge. Pelosi forse è un assassino. Forse è la vittima di uno stupro che ha perso la testa e ha ucciso il suo violentatore. Forse è un'esca.

Una brutta, bruttissima storia che potrebbe diventare altro se solo gli amici di Pierpaolo Pasolini - e Veltroni - avessero avuto parole severe per le sue scelte e parole e gesti d'aiuto, per Pelosi.

www.carlopanella.it

  •  
  •  

4 COMMENTS

  1. Pasolini
    Sei pietoso, non conosci Pasolini, della sua storia non sai niente!! e ti permetti di lanciare accuse sulla sua sessualita’ e sul suo comportamento?? ma stai zitto che ci fai piu’ bella figura!!

  2. Parliamone
    Gentile Signor Panella,
    le scrivo prendendo spunto dalle prime righe del suo articolo: “sono stata da sempre molto a disagio…”.
    A disagio di fronte al modo con cui Lei e molti altri trattano la cosiddetta “brutta” sessualita’ di Pier Paolo Pasolini. Sono una grande sostenitrice del libero pensiero e trovo che sia valido condividere o meno le altrui scelte sessuali. E’ altrettanto giusto esprimere i propri pensieri a riguardo. E’ superfluo dire che sostengo la condanna verso la violenza sessulale di ogni tipo e forma. Ma in questo caso, signor Panella, Lei scrive (e giudica) senza conoscere i fatti. L’unica verita’ a noi pervenuta (fino al 2005) e’ quella del “presunto” assassino di Pasolini, Pino Pelosi. Nient’altro che la sua versione dei fatti. Purtroppo sono ancora molti, troppi, coloro che ancora oggi considerano quest’ultima come verita’ unica e “ufficiale”. Come se il Pelosi “ragazzo povero” da Lei descritto, fosse verita’ assolutamente attendibile, fonte di certezza senza dubbi, entita’ pura totalmente affidabile. Le cito a questo punto le ultime dichiarazioni che lo stesso Pelosi pronuncio’ nel 2005 e che presumo Lei ignori: “Ho mentito perchè gli aggressori mi dissero che si sarebbero vendicati sulla mia famiglia se avessi raccontato la verità”.
    Lei ha ragione quando dice che Pelosi e’ una vittima. Ma e’ una vittima che sa molto e che, per ragioni legittime o meno, ammette di aver mentito per oltre 30 anni. Quel “ragazzo povero” e’ l’unico a conoscere la verita’. L’unico a sapere cosa sia davvero successo quel 2 novembre 1975. Per questi motivi, le parole “severe” per Pasolini che Lei si aspetta Signor Panella, sono piu’ che mai oggi gratuite e fuori luogo. E la “brutta sessualita’ di Pasolini” di cui Lei parla NON E’ documentata dai fatti, poiche’ nessuna istruttoria e nessuna indagine venne condotta sul caso a quell’epoca. Le Sue affermazioni pertanto, sono a mio avviso “un pasticcio poco artistico… e molto indigesto” frutto di giudizi banali, spiccioli, poco documentati e, mi consenta, filo-catechistici. Cordialita’ – Arianna Vinci

  3. Piccolo-borghese
    Lei e’ il tipico esempio di “piccolo-borghese”.
    Commentare la sua superficialita’ e’ una perdita di tempo… proprio come quello che scrive.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here