Home News La Merkel dice basta al dominio di Londra sulle Borse

Crisi dei Subprime

La Merkel dice basta al dominio di Londra sulle Borse

1
5

 

Basta con il sistema anglosassone: nella crisi subprime è stato un autentico disastro. La Bundeskanzlerin si fa avanti con una proposta tutta europea: un’agenzia di rating targata UE. Basterà?

Prima di involarsi per il G-8 a Osaka, Angela Merkel, al termine del vortice di incontri di questi giorni (Medvedev prima, Sarkozy poi) ha lanciato un messaggio inequivocabile: l’attuale assetto di agenzie di rating indipendenti ha fallito.

Il sistema non ha fatto, cioé, quello per cui era concepito – segnalare i rischi al mercato e consentire agli investitori un adeguato apprezzamento – e ha solo gravato di costi aggiuntivi imprese e investitori.

Le varie Standard&Poor’s, Fitch, Moody’s, ecc ecc si comportano come un cartello. Le commissioni che percepiscono sono molto laute – come è tipico di mercati drastificati -  e rappresentano (meglio: dovrebbero rappresentare) il prezzo dell’indipendenza e della libertà di giudizio.

Ma i frantumi dei mercati finanziari smentiscono ogni accattivante proclama delle agenzie stesse.

Il sistema attuale ha fallito e non dà segno di miglioramento: basta vedere i continui aumenti di capitale di Lehman Brothers per rinfrescarsi le idee. Le agenzie non hanno saputo, potuto o voluto vedere il marcio nei bilanci. E quindi hanno fallito in pieno.

Ora, Angela Merkel è una donna da sempre pratica. Non le sono mai piaciuti i proclami astratti e lontani dalla realtà, e preferisce un approccio metodico per arrivare alla soluzione dei problemi.

Se, come ha fatto con la sua intervista al Financial Times, attacca frontalmente i “guardiani del sistema” finanziario, ha le sue buone ragioni per farlo.

La crisi subprime e il tonfo della finanza strutturata hanno certamente rivelato centinaia di miliardi di euro di crediti marci annidati nei bilanci delle banche e dei loro veicoli non consolidati, il mercimonio finanziario di titoli “impacchettati” sui mercati secondari, le spericolate acrobazie dei sistemi di tesoreria finanziaria, e mille altri sgradevoli dettagli che i più ignoravano.

In un crescendo intensissimo, la struttura aperta dei mercati finanziari, la caduta dei controlli e le nuove tecniche della finanza hanno infatti sancito la rottura del vecchio equilibrio tra rischio e responsabilità, aprendo una tragica asimmetria, quella tra origine del rischio e responsabilità per il rischio.

Questa stessa asimmetria, manifestandosi in tutto il suo fragore ha messo a nudo il fallimento dei “guardiani del sistema”: organi di vigilanza, istituzioni comunitarie, funzioni di controllo interno, revisori esterni e agenzie di rating.

Tutti, ma proprio tutti, amorevolmente uniti nella gara a chi ha più fette di salame sugli occhi.

L’effetto simbolico è quello maggiormente devastante – nonostante sia quantificabile solo con grande difficoltà – dell’intera crisi: la radicale perdita di fiducia nelle istituzioni da parte degli investitori.

In Germania, tanto per dare l’idea, la perdita di fiducia è la crisi stessa: prima ancora delle centinaia di miliardi di euro che volano dalla finestra fa orrore la scoperta che le agenzie di rating sono buone solo a far carta e che i veicoli pieni di crediti marci non figurano nei bilanci.

Pur di restituire fiducia ai mercati a Berlino hanno già iniziato a lavorare team della gloriosa Bundesbank. Non a caso la soluzione proposta dalla Merkel è quella di una mega-agenzia di rating europea – verosimilmente con una forte impronta tedesca – per avere un occhio europeo sui mercati.

Servirà? Tutto sta a vedere se, passando dalla teoria ai fatti, non diventerà l’ennesimo carrozzone di euro-burocrati oppure una macchina efficiente.

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Funzionalità dei mercati dei derivati
    Propongo all’autore un’ipotesi suggestiva, rispetto a ciò che afferma nel suo, peraltro eccellente, pezzo. Qual è il principale obiettivo di una cartolarizzazione? Diversificare e trasferire il rischio. Bene, se i mercati finanziari legati ai derivati (CDO, ABS, RMBS, etc etc) non avessero funzionato nel modo corretto, tutti i rischi sarebbero stati assorbiti dal sistema statunitense, con le conseguenze più devastanti di quelle che abbiamo osservato in questi mesi. Invece no, il meccanismo ha girato nel modo esatto ed i rischi delle securitations si sono allocati un po’ ovunque nel mondo… Pazzia? Forse no.
    Cordialmente,

    FG

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here