La Russia tra crimini di guerra e arresti dei dissidenti

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

La Russia tra crimini di guerra e arresti dei dissidenti

La Russia tra crimini di guerra e arresti dei dissidenti

22 Novembre 2022

A Bakhmut una pioggia dorata è caduta sulla città. Munizioni incendiarie lanciate dai russi. L’ennesima prova che l’Ucraina non può limitarsi a chiedere negoziati. L’utilizzo di quel tipo di munizioni, infatti, è considerato un crimine di guerra. Altro che pace, non si porge l’altra guancia di fronte a una palese violazione del diritto internazionale.

Nel frattempo, la Russia continua a serrare i ranghi, punendo ogni tipo di dissenso. Ieri, infatti, è comparsi sul web un video dalla regione di Belgorod. Veniva ripreso l’arresto di due militari di diverse unità per essersi rifiutati di rispettare l’ordine di andare a combattere, quindi a morire, per Putin. Il video ha uno scopo chiaro: intimidire tutti quelli che vogliono opporsi agli ordini.