Home News L’Europa si gioca tutto tra i Balcani e Kabul

L’Europa si gioca tutto tra i Balcani e Kabul

2
2

Quando l’Unione europea in questi ultimi mesi si è trovata ad affrontare la complicata questione Kosovo ha dovuto fare i conti con tre pesanti scheletri custoditi negli armadi della sua stentata e spesso confusa diplomazia. 1993/1995-1999-2003. Queste tre date riportano alla memoria gli ultimi tre grandi fallimenti della diplomazia europea, incapace di sostituirsi in maniera coerente all’inutilità dell’Onu.

Guerra balcaniche ed inazione europea di fronte all’assedio di Sarajevo e alle fosse comuni di Srebrenica, con i caschi blu olandesi spettatori di tutto ciò che stava accadendo.

Pulizia etnica del Kosovo e decisione americana di far intervenire la Nato con bombardamenti aerei e poi con l’invasione delle truppe di terra: ancora una volta l’Europa in drammatico ritardo che si fa scavalcare dall’alleato Usa anche nelle questioni che riguardano il «suo cortile di casa».

Infine l’inizio del 2003 e la profonda divisione all’interno dell’Unione sulla guerra in Iraq, con la peggiore frattura in cinquant’anni di storia della costruzione europea. Da una parte Francia e Germania guidate da Chirac e Schröder pronte a sfruttare l’ondata pacifista e antiamericana delle proprie opinioni pubbliche e dall’altra la «coalizione dei volenterosi», guidata dalla troika Madrid-Londra-Roma e l’appoggio di quasi tutti i Paesi di recente ingresso (in particolare la Polonia).

Quindi due peccati di immobilismo e una profonda frattura, in realtà superata più dagli eventi (cambi di maggioranze nazionali ed evoluzione della guerra in Iraq) che da una vera riflessione interna all’Ue sulle modalità di approccio alle grandi crisi internazionali. Quando i Ministri degli Esteri dell’Ue si sono trovati a fare i conti con la tanto attesa dichiarazione unilaterale di indipendenza da parte del Kosovo probabilmente avevano ben presenti questi tre fallimenti. E l’immobilismo e l’inazione sono stati scongiurati.

Per la prima volta nella sua storia l’Ue ha deciso di emanciparsi dal vincolo delle Nazioni Unite. Ha, infatti, dispiegato il suo personale civile (poliziotti, magistrati, doganieri nel numero di circa 2000) con l’intenzione di sostituirsi progressivamente alla missione Onu (Unmik) anche senza una nuova delibera del Consiglio di Sicurezza, destinata inevitabilmente ad essere bloccata dal veto di Mosca (e quasi certamente, viste le dichiarazioni polemiche, anche da quello di Pechino). Il quadro di riferimento resta ancora la risoluzione 1244 adottata dal Consiglio di Sicurezza Onu il 10 giugno 1999, che però parla di autonomia del Kosovo e non certo di indipendenza. Decidendo di rompere gli indugi, andare oltre le indecisioni e le lentezze delle Nazioni Unite, l’Unione europea ha dato prova di un coraggioso gesto di volontarismo ed attivismo politico, non scontati se si considerano i suoi recenti insuccessi.

Superato il rischio della stasi, rimaneva da risolvere quello delle possibili fratture interne all’Ue sulla prospettiva del riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo. Lo scetticismo di alcuni Paesi membri con complicate situazioni interne di minoranze in cerca di autonomia o addirittura indipendenza (Spagna, Grecia e Romania in particolare) era noto. Sin da subito il campo era stato dunque sgomberato: nessun riconoscimento dell’indipendenza a livello di Unione europea.

I Ministri degli Esteri riuniti lunedì 18 febbraio a Bruxelles sono allora giunti ad una mediazione, che in realtà fa rima con "rottura mascherata". Libertà di riconoscimento bilaterale a ciascun Paese membro, ma nessun obbligo derivante dalle decisioni degli altri partners: insomma avanti in ordine sparso. Rispetto alla frattura del 2003 certamente meglio così, per lo meno è stata salvata la faccia e soprattutto il dispiegamento della missione civile occupa la scena e dà l’impressione di un attivismo, anche se per certi aspetti ambiguo, visto che verrà inviato personale anche da parte di Stati che non hanno ancora sciolto la riserva sul riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo e il tutto si svolgerà comunque sotto lo sguardo militare attento della Nato.

Al momento si registra il «sì» entusiasta della Francia (come poteva essere altrimenti visto il ruolo svolto nell’area dall’attuale Ministro degli Esteri Kouchner e il filoamericanismo della diplomazia di Sarkozy) e quello «inevitabile» dell’Italia. A Madrid ci si affanna a considerare «il caso del Kosovo, un caso sui generis, che non costituisce nessun precedente» e con occhio preoccupato si guarda alla minoranza basca, il cui risveglio potrebbe fare molto male a Zapatero in piena campagna elettorale.

Al di là delle singole posizioni, come molti osservatori hanno ribadito, quello del Kosovo è probabilmente l’ultimo test a disposizione dell’Ue per invertire la rotta rispetto alla sua irrilevanza internazionale. Qualcosa obiettivamente si è mosso. Ci si poteva attendere di più? Joschka Fischer si dice molto rammaricato delle nuove divisioni dell’Europa. La partita è ancora aperta, ma di certo la scelta di marciare in ordine sparso sul riconoscimento dell’indipendenza è un grande vantaggio offerto alla Russia di Putin che potrà, come al solito, giocare la sua partita anche sulle fratture interne all’Ue.

Nel bene e nel male il Kosovo, ed in generale i Balcani, sono uno dei due specchi nei quali si riflettono ambiguità ed opportunità future dell’Unione europea. L’altro è l’Afghanistan, dove i Paesi europei presenti con truppe Nato non stanno certo facendo una bella figura. La credibilità del Vecchio Continente si gioca oggi su questi due scenari. C’è da sperare che la brutta pagina di Kabul possa essere parzialmente mascherata da un reale attivismo politico nel Kosovo.

  •  
  •  

2 COMMENTS

  1. Movimentismo Illegale
    Già peccato che, l’unica volta che hanno deciso di muoversi, e in ordine sparso, abbiano violato la carta dell’ONU, da loro stessi approvata e firmata
    derubando una nazione sovrana e neanche dell’EU, pur con le colpe che certo ha, dopo averne bombardato i suoi abitanti civili( in tutti i sensi) ammazzandone migliaia, anche bambini,
    ripeto derubandola del 15% della loro terra.
    alla faccia della democrrazia
    Sa quello che mi fa più rabbia di chi scrive cose come lei? che pur declamamdovi Giornalisti, non avete scritto un rigo sul bombardamento della TV di stato Serba a Belgrado, alle 04,00 dell’Aprile 1999, dove rimasero uccisi( carbonizzati dall’uranio contenuto nelle bombe) 16 persone, tra cui molti giornalisti che vi stavano facendo il loro lavoro, proprio come il suo e sa con quale vergognosa scusa da parte degli usa? che siccome erano a favore di milosevic, ERANO UN OBIETTIVO MILITARE !!!
    Non sto a raccontare frottole, provi a cercare in libreria il libro( corredato di CD) intitolato ” 16 Persone” ci sono anche i servizi di molti suoi colleghi Italiani, ammesso che lei si senta tale di entrambe le cose.
    Come cantava Gaber : A volte non mi sento Italiano

  2. I giornalisti sono servi del
    I giornalisti sono servi del potere. Scrivono quello che gli viene dettato di scrivere allineandosi tutti al mero interesse del padrone di turno o della parte politica cui sottendono. Adesso l’America vuole il Kossovo indipendente ed ecco che tutti ne parlano favorevolmente anche se moltissimi in Italia non sono d’accordo. Per carità,i nostri politici sono ancor peggio, basta vedere quegli indegni di d’Alema e Prodi che capiscono zero di storia e politica estera come si sono affrettati a genuflettersi. Vergogna!!!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here