Non dimenticheremo mai il terrore e quella mattina di settembre

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Non dimenticheremo mai il terrore e quella mattina di settembre

Non dimenticheremo mai il terrore e quella mattina di settembre

11 Settembre 2022

Oggi solo Fiamma Nirenstein sul Giornale ricorda l’11 Settembre, l’attacco del terrore islamico contro l’America e l’Occidente.
Sono trascorsi molti anni da allora, abbiamo combattuto al fianco degli iracheni e degli afghani che volevano libertà e democrazia, abbiamo decapitato al qaeda che però cambia nome, cerca sempre nuovi paradisi del terrore, nella guerra infinita scatenata da chi odia il nostro modo di vivere e la nostra civiltà, in America, in Europa, contro Israele.
L’internazionale del terrore antioccidentale avanza, dall’Africa al Medio Oriente all’Ucraina. Non dobbiamo dimenticare cosa accadde 20 anni fa, leggiamo Fiamma Nirenstein e rileggiamo Oriana Fallaci, perché sono due donne che chiamano le cose col loro nome. La guerra è guerra, il nemico è nemico, il terrorismo islamico questo è anche se ogni volta si fatica moltissimo a definirlo tale.
Le democrazie liberali continuano ad essere minacciate da nemici forti e pericolosissimi. Non possiamo fingere che vada tutto bene, non possiamo accontentarci di un mondo così, oppresso, povero e infelice. Non dimentichiamo cosa accadde un luminoso quanto sanguinoso giorno di settembre a New York più di venti anni fa.