Home News Nuovi deliri targati Sardine: “Il coronavirus è come il fascismo” e “anche il razzismo è un virus”

Le sparate delle sardine

Nuovi deliri targati Sardine: “Il coronavirus è come il fascismo” e “anche il razzismo è un virus”

0
39

Le Sardine tornano a parlare e, come al solito, lo fanno a sproposito. Stavolta la parola è stata lasciata a Gennaro Spinelli, figlio del primo rom Commendatore della Repubblica, nominato dal Presidente Sergio Mattarella: egli ha impartito l’ennesima lezione di storia, tentando goffamente di paragonare l’attuale periodo storico con quello del regime fascista.

Come riportato da IlGiornale.it, la Sardina in questione ha elencato nel gruppo Facebook “Sardine Teatine Official” tutta una seria di luoghi comuni sul fascismo, nel tentativo di equiparare quel periodo storico a quello attuale, costituito da decreti per salvare il Paese dall’emergenza pandemia. Il suo post inizia con queste parole: “Avete presente a tutti quelli che volevano tornasse il fascismo? Bene, ditegli che era più o meno la situazione che abbiamo oggi di cui si lamentano”. Prosegue, poi, con la descrizione di quelle che secondo lui sono le principali differenze tra le circostanze odierne e quelle del Ventennio: “Se uscivi di casa non ti denunciavano ma ti ammazzavano! Se ti lamentavi venivi arrestato e non tornavi più! Se ti opponevi eri un sovversivo e venivi ucciso! Mentre oggi noi dobbiamo ritenerci fortunati in quanto abbiamo internet illimitato e tutti i comfort”. Invece, per quanto riguarda la libertà di espressione “te la ficcavi dove volevi perché non valeva assolutamente niente. Con o senza immigrati, con o senza rom, con o senza ebrei!”; inoltre, saremmo stati solamente “un numero come tutti, senza libertà ma solo doveri verso una patria che non ti appartiene”. La conclusione, scontatissima è questa: “Bello fare i fascisti in un mondo libero, vero?”.

Insomma viva la fibra e il 4g che ci hanno salvato dal ritorno del fascismo!

Purtroppo, però, i deliri delle Sardine non finiscono qui. Se, infatti, milioni di persone in Italia sono preoccupate dalla lotta senza tregua al virus, le Sardine, sulla loro pagina Facebook ufficiale “6000 Sardine”, hanno ritenuto indispensabile far luce su quello che secondo loro risulta essere la vera epidemia che colpisce l’Europa: il razzismo. Non solo l’Italia, ma anche Germania, Spagna, Grecia e Polonia sono state accusate nell’ordine di: “islamofobia, antisemitismo, antiziganismo, il machismo e la fobia delle persone Lgbt”. Un virus – quello del razzismo – al quale bisogna rispondere da umani perché gli anticorpi “dobbiamo essere noi stessi”. Infine, nel medesimo post, si afferma di voler ovviare all’impossibilità di scendere in piazza grazie a una rete di collaborazione con le sardine “galattiche”.

Insomma sembra proprio che in attesa di novità sul fronte coronavirus dovremo aspettarci ancora lezioni di storia e sociologia da parte delle Sardine, anche se ne faremmo volentieri a meno.

  •  
  •  

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here