Home News Ora il centrodestra dovrà puntare sul nucleare… all’estero

Dopo il referendum/1

Ora il centrodestra dovrà puntare sul nucleare… all’estero

6
1

L’afflusso ai referendum e la valanga di “sì” dimostrano che non solo fra gli elettori di centrosinistra, anche fra quelli di centrodestra, soprattutto se cattolici, è diffusa la paura per l’installazione in Italia di centrali nucleari (che del resto è condivisa anche dai tedeschi che peraltro coprono già il loro fabbisogno di risorse energetiche per l’elettricità con un 20 per cento di energie alternative solari e del vento) e la preoccupazione che l’acqua diventi preda di business monopolistici di compagnie internazionali.

Al centrodestra ora compete di spiegare che l’energia nucleare è necessaria per l’Italia, ma che per evitare i timori che la sua produzione comporta se le centrali vengono realizzate sul nostro territorio, sovraffollato, converrà cercare i siti per i nostri investimenti all’estero, in luoghi idonei. Sicuramente costa di meno la individuazione di siti idonei fuori di Italia che in Italia, e poiché il costo del kwh nucleare dipende in gran parte dalla spesa di investimento e dal know how tecnologico il fatto di installare le centrali all’estero, anziché in Italia non determinerà un prezzo del kwh maggiore di quello che esso sarebbe costato se le centrali fossero state fatte in Italia. Rimane però da osservare che la sinistra italiana si è opposta sistematicamente alla Tav Torino Lione, al Ponte sullo Stretto e all’energia nucleare, configurandosi sempre più come un movimento politico socialmente ed eticamente progressista cioè liberal nel senso nordamericano del termine, ma economicamente conservatore e dirigista cioè illiberale.

E’ la sinistra vendoliana e santoriana che avanza, quella socialpopulista e relativista, assieme alla destra-sinistra e demagistriana dipietrista. Non credo che Bersani,  insieme ai presunti liberali della sinistra ne debba gioire, dato che oramai la contraddizione fra il PD e la  linea di privatizzazioni e liberalizzazioni è palese. E’ evidente che il PD con questa operazione dei quattro sì ha unito l’utile al dilettevole. Infatti, ora si diletta a sostenere che questo referendum dimostra che l’attuale governo non ha il consenso nel paese, mentre è chiaro che il sì abrogativo per il nucleare e l’acqua lo hanno dato anche molti elettori del centro destra, che sono favorevoli alle privatizzazioni dei servizi pubblici locali, ma non ad avventure pericolose, quali quelle che sono state descritte dal PD con la campagna mistificatoria per cui il referendum serve a far sì che l’acqua rimanga un bene pubblico, mentre ciò che è in gioco è, al massimo, la gara per la cessione ai privati del 40% della società pubblica del servizio idrico integrato.

Il PD unisce a questo presunto successo politico, frutto di un imbroglio propagandistico cui si è prestata anche la lobby finanziaria antiberlusconiana, l’utile consistente nel conservare le sue posizioni di potere e di clientela nelle imprese pubbliche locali controllate dalle loro giunte comunali, che assicurano loro anche una ampia base elettorale, tramite i loro dipendenti. La vittoria di De Magistris a Nopoli si deve in parte alla sua abilità di leader peronista, ma in parte anche alle solide clientele del Pd, che hanno, nelle aziende ex municipalizzate una delle loro roccaforti. Gli elettori, che hanno votato due “sì” nel presunto referendum sull’acqua non si sono resi conto che sono stati imbrogliati da questi finti liberali, che desiderano tenere strette le loro aziende ex municipalizzate. Infatti, in virtù del sì che abroga la norma sulla privatizzazione almeno parziale delle ex municipalizzate, l’obbligo di fare la gara sparisce per tutte queste imprese e i loro appalti possono andare alle coop rosse e agli amici della giunta municipale. E ciò non solo per le aziende dell’acqua, ma per qualsiasi altra. Ciò, peraltro, violando la giurisprudenza dell’Alta Corte di Giustizia della Comunità Europea.

Il governo Berlusconi farà bene a dire che rispetta il referendum, e non fa una nuova legge di adeguamento alla normativa comunitaria. Il federalismo fiscale comporta che ogni ente locale si assuma le sue responsabilità e che siano i suoi cittadini a pagare i costi dei suoi servizi e dei suoi disservizi. C’è un altro “sì” che urta contro le regole dell’economia di mercato, quello che abolisce la norma della legge Ronchi-Fitto per cui l’investimento idrico integrato deve essere remunerato al suo costo, nel prezzo dell’acqua. Con la abrogazione di questa norma, ogni comune è libero di porre un prezzo pari a tale costo o ad esso inferiore. In questo secondo caso, la differenza la pagheranno i contribuenti del comune. Se la maggioranza degli italiani vuole stabilire che essi, come contribuenti, pagheranno il prezzo politico dell’acqua, sono liberi di farlo, purché si stabilisca che ogni comune deve avere il bilancio in pareggio e che i trasferimenti statali ai comuni riguardano solo quelli a basso reddito per garantirne i servizi essenziali di natura gratuita, così come nelle norme sul federalismo fiscale municipale e sul patto di stabilità interno, ora in vigore. E’ bene che i cittadini imparino a pagare i costi del proprio voto riguardante i servizi pubblici locali e la politica energetica italiana e che Berlusconi ne prenda atto.

In ogni caso, come dice Berlusconi, ora il programma nucleare italiano è affissato. La mia proposta di individuare siti nucleari all’estero, anche se sarà accolta, comporta un nuovo lento processo decisionale che spetta alle imprese, non al governo. Questo, invece, dovrà riaprire il programma di incentivo all’energia solare, che esso aveva bloccato, ponendone l’onere sulla bolletta elettrica, insieme all’onere per energia dal vento da biomasse. Si tratta di un’area in cui, come insegna la Germania, si possono fare importanti progressi tecnologici. Il costo dell’elettricità rincarerà, forse del 10%. Il pasto gratis non esiste, nemmeno nel caso dei referendum. So che molti elettori anche di centro destra sono andati a mettere nell’urna il “sì” per il nucleare e per l’acqua, pensando che si trattava di un dovere di coscienza. Ora mi auguro che pensino, con altrettanta serietà, che è loro dovere pagarne il costo come contribuenti municipali e come utenti dell’energia elettrica. Aggiungo, per coloro che innaffiano i giardini di estate con l’acqua, bene pubblico cioè di tutti, e lasciano  i rubinetti aperti mentre si lavano il viso o si fanno la barba, che per coerenza, dovrebbero ricordarselo ogni volta che distrattamente lo fanno. 
 

 

  •  
  •  

6 COMMENTS

  1. Meglio così
    Nel 1987 ho votato NO. Ieri a votare non sono proprio andato. Ma non sono completamente scontento dell’esito. Vedete, sono un nuclearista convinto. Mio fratello vive in Francia: scalda la casa con radiatori elettrici. Niente gas, niente caldaie e prova fumi. Niente riscaldamento centralizzato o teleriscaldamento capestro. Radiatori elettrici, una sola bolletta. Questo è stato un inverno mite: la bolletta è stata di 200 euro. E’ sorpreso anche lui. A Torino, ho pagato 800 euro. Una centrale nucleare costa: costruirla e spegnerla dopo due anni, perché la gente si lascia impaurire dai soliti soggetti interessati, costa ancora di più. Per cui, in definitiva è meglio così. Il nucleare è per chi se lo merita: e noi come nazione, non lo meritiamo. Quando tra due anni Svizzera e Germania riaccenderanno le loro centrali – devono solo girare un interruttore, o quasi – saranno pronte a ripartire; e noi saremo nel medioevo. Ma ce lo siamo voluto. Tutti. Me compreso che scrivo queste cose invece di essere in piazza ad urlare la mia rabbia.

  2. Hai ragione, caro amico, non
    Hai ragione, caro amico, non ce lo meritiamo.
    Tra l’altro, nessuno dice che cosa ci facciamo noi italiani dell’energia delle centrali nucleari che compriamo: la usiamo per riempire i bacini delle nostre centrali idroelettriche. Pensa un po’ quanto costa l’energia “idroelettrica”…

  3. Consiglio vivamente di
    Consiglio vivamente di documentarVi.
    Le energie rinnovabili pulite e a costo attorno allo zero soddisferanno il 100% del nostro fabbisogno nel giro di 10 anni al massimo.

  4. Il popolino non sa che
    Il popolino non sa che abbiamo centrali nucleari a un tiro di schioppo?
    Francia, Svizzera, Slovenia…
    Corriamo i rischi e non godiamo dei benefici… Continueremo a strapagare l’energia e gli incentivi sul solare che non funziona una cippa…
    E quando Di Pietro dice che l’energia del nucleare la prenderemo dal solare… ma dove vive questo? Ma ha una minima idea di quello che dice?
    Massì… andiamo avanti con le centrali a carbone che sono salutari e intanto abbiamo perso l’ennesima occasione… peccato!

  5. Il referendum non sia una pietra tombale
    Egregio professor Forte, mi scusi: ma è realistico parlare di rilanci, di riforme fiscali e costo del lavoro ed altro ancora con una politica energetica che verosimilmente resterà di soggezione per troppo tempo? Non stiamo facendo una grande e ricorrente partita a chiacchiere ipocrita e vigliacca, che mistifica e nasconde (come sullo snellimento dello Stato)? Quali prospettive possiamo avere con il miraggio del “pasto gratis”, caposaldo di mitologìe – queste sì – fallimentari e nefaste, e con la peggiore filosofia nimby, che ha diffuso le sue metastasi nella testa dei furbissimi? La concorrenza mondiale – basti anche solo pensare al BRIC, che cinquant’anni fa era ancora un’attesa in vista della quale attrezzarsi adeguatamente nel tempo – è sempre più veloce, serrata e potente; pretende l’assunzione di rischi. La costruzione di centrali altrove… l’extrema ratio? C’è solo da sperare allora che ci sia in futuro un surplus di energia disponibile e che chi produce svenda, in attesa magari che i tuoi fornitori ti richiedano di contribuire almeno a smaltire le scorie… Ci siamo già preclusi con precedenti referendum la facoltà di valutare oggi con calma il da farsi – wait and see, come fanno ad esempio gli Svizzeri, spesso invidiati per come curano e tutelano il loro benessere – e di tenere in pugno per quanto possibile il nostro sviluppo. Il problema dell’energia continuerà a cimentarci, e sempre di più; si continui ad informare i cittadini sulle prospettive e gli sviluppi della produzione nucleare.

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here