Ora sappiamo che i nazisti rovinarono i Savoia aiutandoli a fuggire

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Ora sappiamo che i nazisti rovinarono i Savoia aiutandoli a fuggire

17 Gennaio 2010

Sempre sul numero di fine anno della “Nuova Rivista di Storia Contemporanea” si può leggere un altro contributo di notevole interesse, nella fattispecie abbastanza inedito, su uno dei momenti più delicati e imbarazzanti delle recente storia patria, ovvero sulla cosiddetta “fuga” dalla capitale di sovrano e corte dopo l’8 Settembre. Autore ne è Franco Manaresi, ingegnere emiliano, cugino di Giorgio Pini, redattore capo de "Il Popolo d’Italia", e fra i giornalisti di maggior fiducia del Duce, cultore di vicende storiche e vicino agli ambienti della curia bolognese. Il professionista emiliano a metà degli anni Ottanta entra in relazione con Eugen Dollann, colonnello delle SS, personaggio segnatamente ambiguo, ma di primissimo piano durante i travagliati mesi dell’occupazione tedesca. All’origine del singolare contatto le ricerche che Manaresi sta svolgendo sul presule del capoluogo emiliano, G.B. Nasalli Rocca per un’iniziativa della locale Deputazione di Storia Patria.  

Dollmann aiutato dopo la fine del conflitto dalla chiesa bolognese e in seguito da quella romana accetta di buon grado di incontrare l’intraprendente studioso, congiunto del “camerata” Pini. Manaresi durante il dialogo-intervista, il cui contenuto è riprodotto su un registratore analogico, a un certo punto, dopo una serie di domande di interesse locale, chiede al suo interlocutore lumi sull’attività dietro le quinte dell’ufficiale nazista. Sull’8 Settembre in particolare, il plenipotenziario delle SS, dice qualcosa, di cui da tempo più di un analista sospetta, ma che non ha mai trovato conferme esplicite, ovvero che certi vertici germanici in Italia erano al corrente sulla “fuga” di Pescara. “Kesselring”, afferma, papale papale, il protetto di Heinrich Himmler, “era al corrente della fuga da Roma a Brindisi. Questo avvenne per mia iniziativa: I reali passavano attraverso le linee tedesche perché tutto questo terreno da Roma a Brindisi era in mano nostra. I Reali non potevano passare se i nostri non erano avvisati”. La successiva domanda di Manaresi rende ancora più esplicita l’affermazione precedente. Lo studioso: “E questo avvenne per ovvie ragioni, di non aggravare una situazione già drammatica”. L’ex nazista: “Perfettamente. Per non aggravare questa situazione. Kesserlring aveva problemi militari ed io problemi personali ed anche politici naturalmente. Io non avevo informato Berlino. Questo ho fatto solamente da solo con Kesserling. Io non ho informato né Wolf, né Rahn, né altri miei superiori… Di questo ho parlato lungamente anche con il Principe: Lui non sapeva nemmeno… Mi chiese: come è stato possibile che mio padre, mia madre ed io siamo arrivati così bene e tranquillamente a Brindisi?”.

Nei mesi successivi Manaresi che, nel frattempo si mette più volte in contatto ma con scarso profitto (nessuna ulteriore specifica su quelle scottanti rivelazioni) con l’ufficiale tedesco, scopre che Dollmann aveva già sostenuto analoghe “verità” in un’intervista rilasciata a Marcello Staglieno e pubblicato su “Il Giornale” del 24 luglio 1983, dove era stata persino più chiaro, seppure non più circostanziato. Hitler, aveva spiegato il colonnello sul quotidiano diretto da Indro Montanelli, “non si fidava del re. Dopo l’8 settembre, l’avrebbe certo fatto deportare in Germania… Ma intervenne Kesserling”, senza “far sapere nulla a Berlino”. In fondo, aggiungeva, “a noi la fuga del re andava meglio, per screditarlo, della sua prigionia. L’unico a capirlo fu Umberto. ‘Che figura’, diceva piangendo, ‘che figura…’”.  

Manaresi racconta le peripezie varie che dovette fronteggiare per pubblicare il suo colloquio con Dollmann che, alla fine, dopo il no della Deputazione esce su un opuscolo a circolazione limitata. In quel momento certi “dietro le quinte” suonavano a troppi proprio indigesti. La scomparsa dell’ufficiale nel maggio del 1985 rese poi impossibili ulteriori approfondimenti. Un volume uscito all’inizio del scorso, di cui si è parlato su “L’Occidentale”, aveva riproposto le tesi del primo colloquio Manaresi-Dollmann del 4 febbraio 1984. La tesi del libro in questione (Marco Patricelli, “Settembre 1843. I giorni della vergogna”, Laterza) era l’intesa fra vertici germanici e sovrano sarebbe stata il frutto di un “suggerimento” dello Dollmann, “raccolto da Kesselring”, e “finalizzato a sbrogliare la matassa politico-militare attorno a Roma: nessun disturbo alla fuga in cambio della mancata difesa”.

Franco Manaresi, "I tedeschi dietro la ‘fuga’ del Re", in Nuova Storia Contemporanea, numero 6, novembre-dicembre 2009, euro 10,50.