Papa in sinagoga. Vicepremier israeliano: “Visita storica”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Papa in sinagoga. Vicepremier israeliano: “Visita storica”

17 Gennaio 2010

È una visita di importanza storica, secondo Israele, quella che papa Benedetto XVI si accinge a compiere oggi nella sinagoga di Roma. Lo ha affermato il vicepremier Silvan Shalom, mentre la stampa israeliana evidenzia anche le divisioni createsi in merito nella comunità ebraica italiana.

"Benedetto XVI è stato in Israele meno di un anno fa e ha anche visitato il Museo dell’Olocausto Yad Vashem. La sua visita oggi è un avvenimento storico che suscita notevole emozione" ha detto Shalom a radio Gerusalemme.

Shalom si trova a Roma per preparare la prossima visita in Israele del Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, e oggi sarà nella Sinagoga fra quanti daranno il benvenuto al Papa. "Si tratta di un evento religioso, non politico, che deve simbolizzare l’avvicinamento fra ebrei e cattolici" ha aggiunto Shalom. "È importante ridurre le divergenze di opinione, specialmente nella imminenza delle Giornata internazionale della Shoah".

La stampa israeliana concentra la propria attenzione nelle divisioni creatasi nella comunità ebraica italiana circa la opportunità della visita in Sinagoga del Pontefice il quale – sottolinea Haaretz – "punta alla beatificazione di papa Pio XII". Anche Maariv tocca il medesimo tasto, aggiungendo che attorno all’evento "si è creata un’emozione formidabile" e che esso sarà seguito da 600 giornalisti da tutto il mondo.