Pedofilia. Benedetto XVI: “La Chiesa è stata ferita dai nostri peccati”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Pedofilia. Benedetto XVI: “La Chiesa è stata ferita dai nostri peccati”

17 Aprile 2010

"La Chiesa è stata ferita dai nostri peccati". Lo ha affermato Benedetto XVI parlando ai giornalisti sull’aereo che lo ha portato a Malta dello scandalo pedofilia che sta coinvolgendo sacerdoti cattolici in varie parti del mondo. E’ stato il portavoce vaticano a specificare che le parole del Pontefice si riferivano allo scandalo, anche se parlando con i giornalisti Benedetto XVI non ha usato il termine "abusi" .

Sul problema degli abusi sessuali nel clero "il Papa ci ha dato una linea molto chiara", che è innanzitutto quella della "purificazione e della penitenza, per assumere con decisione la propria missione secondo il progetto di Dio". È quanto ha detto il cardinale segretario di Stato, Tarcisio Bertone, in un’intervista alla Radio Vaticana e all’Osservatore Romano rilasciata al ritorno dal suo viaggio in Cile e alla vigilia della partenza con Benedetto XVI per il viaggio a Malta.

Quella indicata dal Papa, secondo il numero due della Santa Sede, è "una linea di approfondimento dei comportamenti e di grande impegno di fedeltà a Cristo, di lealtà nella propria missione, a seconda della vocazione di ciascuno". "Mi sembra – ha spiegato – che la prima indicazione che il Papa ha confermato ancora nella Cappella Paolina, parlando ai membri della Pontificia Commissione biblica, è quella della purificazione e della penitenza, per assumere con decisione la propria missione secondo il progetto di Dio".

Secondo Bertone, il Pontefice sollecita quindi a "un coraggioso e forte impegno educativo, perché questo è il campo in cui si formano i fanciulli, i giovani, i formatori e quindi qui bisogna dare dei valori che siano la linfa della vita, dei comportamenti dei giovani e di coloro che si occupano dei giovani".

Infine, la terza indicazione di Benedetto XVI è "il rinnovamento della missione sacerdotale. Secondo il progetto di Cristo, che è modello di ogni sacerdote, e secondo i grandi messaggi che il Papa ha dato in questo Anno Sacerdotale". "Nell’incontro con i sacerdoti e anche nell’incontro con l’episcopato del Cile – ha sottolineato ancora il card. Bertone -, mi chiedevano: come fare a continuare a prendere gli elementi migliori dell’Anno Sacerdotale e portarli nella vita, in modo che non si chiuda un ciclo con la chiusura dell’Anno Sacerdotalè? E questo è proprio l’impegno in cui tutti dobbiamo essere coinvolti, soprattutto per ciò che riguarda i candidati al sacerdozio e i sacerdoti, conformemente alla loro missione".