Home News Petrolio: la miopia di Chàvez e il rischio recessione

Petrolio: la miopia di Chàvez e il rischio recessione

1
55

Nelle prossime due settimane, il settore petrolifero venezuelano saprà di che morte deve morire. In questo breve spazio di tempo, infatti, il presidente Hugo Chàvez rivelerà quali compensazioni saranno offerte alle multinazionali petrolifere che sono state espropriate dei loro asset a favore della compagnia di bandiera Pdvsa e costrette a scendere sotto il 50 per cento loro progetti di estrazione. Se le compensazioni saranno troppo basse, alcuni di questi colossi – tanto grandi ma al tempo stesso tanto fragili di fronte agli abusi politici dei governi dei paesi produttori – potrebbero decidere di abbandonare il paese. E sarebbe un danno per il Venezuela e per il mondo intero. Sebbene infatti la nazione sudamericana sia uno dei principali paesi per estensione delle sue riserve %E2

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Caro giornalista è sicuro?
    Articolo interessante, peccato che penda da una parte sola!!!

    Non una parola sullo sfruttamento delle compagnie petrolifere le quali prendono il petrolio e danno pokissimi soldi alle popolazione, per ottenere cosa? petrolieri ricchi!!!

    Chavez ha fatto bene a nazionalizzare, mi chiedo se i problemi di estrazione non siano causati dalle compagnie stesse per portare problemi XDDD

    In tanti ormai non credono più alle fandonie delle corporation che per arricchirsi sulle spalle dei popoli ne fanno di ogni!!!

    Le fonti di petrolio e l’acqua devono essere pubblici!!!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here