Petrolio: la miopia di Chàvez e il rischio recessione

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Petrolio: la miopia di Chàvez e il rischio recessione

17 Aprile 2007

Nelle prossime due settimane, il settore petrolifero venezuelano saprà di che morte deve morire. In questo breve spazio di tempo, infatti, il presidente Hugo Chàvez rivelerà quali compensazioni saranno offerte alle multinazionali petrolifere che sono state espropriate dei loro asset a favore della compagnia di bandiera Pdvsa e costrette a scendere sotto il 50 per cento loro progetti di estrazione. Se le compensazioni saranno troppo basse, alcuni di questi colossi – tanto grandi ma al tempo stesso tanto fragili di fronte agli abusi politici dei governi dei paesi produttori – potrebbero decidere di abbandonare il paese. E sarebbe un danno per il Venezuela e per il mondo intero. Sebbene infatti la nazione sudamericana sia uno dei principali paesi per estensione delle sue riserve %E2