E' necessario rivedere la legge 117 del 1988

Piaccia o no, sulla responsabilità civile delle toghe bisogna fare i conti con l’Ue

1
66

Sul tema della responsabilità dei giudici bisogna fare i conti con la giurisprudenza comunitaria. Piaccia oppure no. Partiamo da un punto fermo. Il 24 novembre 2011, ponendo termine a una procedura per infrazione promossa dalla Commissione europea, la Corte di Giustizia ha condannato la Repubblica italiana a motivo che la legge n. 117 del 1988, sul risarcimento dei danni cagionati nell’esercizio delle funzioni giudiziarie e sulla responsabilità civile dei magistrati, non rende effettiva la tutela di cui godono i singoli in virtù del diritto dell’Unione europea.

Da questa pronuncia occorre partire per ragionare pacatamente sulla norma, voluta tramite emendamento, che introduce una forma di responsabilità dei giudici. Occorre, cioè, partire dalle novità significative che sono venute dalla giurisprudenza co­munitaria, la quale, come ormai avviene sempre più di frequente in quasi tutti i settori dell’ordinamento, ha condizionato, e soprattutto condizio­nerà, la linea evolutiva dell’ordinamento interno in materia di responsabi­lità civile dei magistrati. A cominciare dalla sentenza Francovich del 1991, la Corte di Giustizia ha affermato la responsabilità degli Stati membri per ritardato o omesso ade­guamento dell’ordinamento interno ai vincoli comunitari, poiché <la piena effi­cacia delle norme comunitarie sarebbe messa a repentaglio e la tutela dei di­ritti da esse riconosciuti sarebbe infirmata se i singoli non avessero la possibilità di ottenere un risarcimento ove i loro diritti siano lesi da una violazione del di­ritto comunitario imputabile ad uno Stato membro>.

Questo orientamento giurisprudenziale, che apriva la possibilità di adire in giudizio lo Stato per sentirne dichiarare l’obbligo di risarcire i danni cau­sati dalla violazione del diritto comunitario, è stato confermato e svilup­pato negli anni successivi, fino ad affermare esplicitamente che an­che un atto giurisdizionale può dar luogo a responsabilità dello Stato per violazione del diritto comunitario (sentenza Köbler del 2003). Lo scopo era quello di garantire tutela risar­citoria nelle ipotesi di danni cagionati da cattiva interpretazione della legge da parte del magistrato, espressamente esclusi dalla clausola di salva­guardia contenuta nell’art. 2 della legge 117/88.

In questo quadro giurisprudenziale si inserisce la sentenza Traghetti del Medi­terraneo s.p.a. del 2006 nella quale la Corte di Giustizia decide su una que­stione pregiudiziale sollevata dal Tribunale di Genova con riferi­mento ai presunti danni cagionati da una decisione della Corte di Cassa­zione (sentenza n. 5087/00), per aver violato l’obbligo del rinvio pregiudi­ziale alla Corte di Giustizia previsto dall’art. 234 TCE. La Corte di Giustizia sostiene che il diritto comunitario osta a una legisla­zione nazionale che escluda, in maniera generale, la responsabilità dello Stato per i danni arrecati ai singoli a seguito di una violazione del di­ritto comunitario, imputabile a un organo giurisdizionale di ultimo grado, per il motivo che la violazione controversa risulta da un’interpretazione di norme giuridiche. Così come osta la limitazione della responsabilità alle sole ipotesi di dolo e colpa grave, con esclusione delle violazioni manifeste del diritto.

Certo, è pur vero che la legge n. 117 del 1988 viene esaminata in quanto strumentale all’esercizio del diritto al risarcimento a nulla rilevando, almeno in prospettiva europea, la responsabilità civile del singolo magistrato. Ma il messaggio che proviene dall’Europa e i suoi giudici è quello di un invito-monito a rivedere la legge n. 117 del 1988 alla luce della giurisprudenza comunitaria, per ripensare più in generale il tema della responsabilità civile dei magistrati. Lasciando il Parlamento sovrano nella decisione, purché non difforme al diritto comunitario.

 

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. Responsabilità civile
    La figura del magistrato come organo imparziale di giustizia è sempre meno credibile. La concezione della società da parte di numerosi pm ha qualcosa di incredibile. Ma trovo scandaloso che la politica non riesca a fare una battaglia liberale per arginare lo strapotere di diecimila magistrati, quanti sono oggi in Italia. In quale altro Paese del mondo la casta dei giudici sarebbe in grado di bloccare qualsiasi tentativo di riforma che li riguardi? Rendiamo ufficialmente noto quanto deve sborsare ogni anno l’Italia all’Europa come sanzioni per il nostro stato della (in)giustizia!

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here