Referendum: sul voto degli italiani all’estero, Alfano ha poco da fare lo spiritoso

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Referendum: sul voto degli italiani all’estero, Alfano ha poco da fare lo spiritoso

01 Dicembre 2016

Angelino Alfano, ministro degli interni e quindi garante della correttezza e del buon funzionamento delle procedure elettorali, ha replicato così a quanti esprimono timori sul voto all’estero: “Non è la prima volta che si vota all’estero e tutta la preoccupazione e l’indignazione viene adesso. Ho l’impressione che temano di perdere”. 

Da un ministro degli interni avremmo preferito un tono più rispettoso nei confronti dei comitati del no, che sulla riforma rappresentano l’opinione di circa la metà degli italiani, e non una dichiarazione di parte, pure un po’ sfottente. Ma a parte la mancanza di senso delle istituzioni, a cui questo governo, e soprattutto il premier, ci ha ormai abituati, lo ammettiamo senza problemi: sì, abbiamo paura. 

Dopo una campagna elettorale come questa, in cui Renzi ha dimostrato di giocare solo per se stesso, solo, come direbbe lui, per conservare la sua poltrona, senza mai considerare il bene comune, mirando a spaccare il paese, pur di avere quel voto in più che gli permetterebbe di cantare vittoria, chi non vuole questa riforma ha paura. 

Ma non degli elettori: è Renzi che ha dimostrato di temerli, puntando a silenziare ogni voce di opposizione, buttando nella campagna un mare di soldi (si parla di ben 10 milioni), rendendosi ubiquo (è stato in ogni piazza, in ogni giornale, in ogni radio, in ogni tv, con una frequenza impressionante), approvando il vecchio metodo delle clientele, facendo, lui che non ha mai svolto un lavoro “vero”, una propaganda tutta demagogica per “mandare a lavorare i senatori”. Ci sarebbe da ridere se non ci fosse, appunto, da temere. 

Un capo del governo così spregiudicato, così visibilmente disposto a tutto fa paura. E chi, se non Alfano, dovrebbe tutelarci? Ma invece di dire parole rassicuranti, visto che se non sbagliamo è il ministro di tutti gli italiani, anche di quelli che votano No, Alfano fa lo spiritoso.

Noi speriamo che il No sia così massiccio da rendere infondato qualunque timore, ma ripetiamo quello che su questo nostro piccolo spazio (non ne abbiamo molti altri) abbiamo già detto. E cioè che si sa da tempo che il voto per posta è facilmente manipolabile (si è visto anche in Austria) e che le garanzie previste dalla costituzione, a partire dalla segretezza, non sempre vengono rispettate. 

Ma oggi questa incertezza è molto più grave, perché non si tratta di attribuire un parlamentare in più o in meno, tizio invece di caio, si tratta di decidere quale sarà la legge fondamentale di tutti gli italiani, la nostra costituzione. Sarà, in ogni caso, la foto di un paese diviso in due quella che ci troveremo davanti il 5 dicembre, qualunque sia l’esito del voto. 

Ma se i voti provenienti dall’estero saranno decisivi a far pendere la bilancia, se la percentuale di Sì, tra quei voti, sarà troppo superiore a quella degli elettori italiani, si alimenteranno interrogativi e perplessità, e saranno in tanti a pensare che qualcuno ha barato. Forse così Renzi conserverà la sua amatissima poltrona e potrà dire di aver vinto, ma a perdere sarà la credibilità delle istituzioni e la fiducia nella democrazia.