Sudan. E’ stata liberata Lubna Hussein, giornalista con i pantaloni

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Sudan. E’ stata liberata Lubna Hussein, giornalista con i pantaloni

08 Settembre 2009

La giornalista sudanese Lubna Ahmed-al Hussein, incarcerata per aver portato pantaloni giudicati "indecenti" in Sudan, è stata liberata. Lo ha annunciato il presidente dei giornalisti sudanesi.

È stata l’Unione dei giornalisti sudanesi a pagare la multa per scarcerare Lubna Ahmed-al Hussein. La donna, condannata per aver portato pantaloni giudicati "indecenti" in Sudan, si era rifiutata ieri di pagare e per questo era finita in carcere. "Abbiamo pagato noi la multa di 500 sterline (200 dollari)" ha dichiarato il presidente Moheddin Titawi, presidente dell’Unione dei giornalisti sudanesi.

La giornalista è parsa seccata dall’iniziativa del gruppo: "Sono venuti pochi minuti fa in prigione e mi hanno detto che potevo andarmene. Non so il perchè. Non sono felice. Avevo detto a tutti i miei amici e alla mia famiglia di non pagare la multa, ma sono stata liberata. Non sono felice anche perchè ci sono più di 700 donne ancora in prigione che non hanno nessuno che paghi per loro".

Il presidente dell’Unione dei giornalisti sudanesi non ha spiegato perchè il suo gruppo abbia pagato la multa, ma molti giornalisti sudanesi sostengono che l’organizzazione di Moheddin Titawi abbia rapporti con il governo.