Home News Tocca a Pd e Forza Italia sciogliere i nodi della riforma elettorale

Tocca a Pd e Forza Italia sciogliere i nodi della riforma elettorale

1
103

Quattro nodi politici per una riforma.

I sistemi elettorali non sono delle ideologie e nemmeno dei totem. Sono strumenti empirici e approssimativi che vanno adattati a situazioni contingenti e, soprattutto, agli obbiettivi che s’intendono perseguire. Per questo, se si continua ad affrontare il problema della riforma dell’attuale legge elettorale dalla parte dei “modelli” - della serie, è più “nobile” il tedesco, lo spagnolo o il francese – si ottiene l’unico risultato certo di trasferire il dibattito nella terra degli iniziati, amplificando tra il grande pubblico l’illusione che possa esistere il sistema elettorale ideale che, come per magia e in un colpo solo, risolva tutti gli annosi problemi del sistema politico italiano.

Per onestà intellettuale, e per cercare di spiegare ai lettori cosa sta accadendo, provo qui a privilegiare un approccio differente, partendo dai dati di fatto. In tal senso, debbo subito ammettere che, a dispetto delle continue critiche che le gli piovono addosso, nel suo nocciolo duro l’attuale legge elettorale non è una “porcheria”. Essa, fino a prova contraria, ha garantito a una coalizione di governare il Paese pur se vincitrice con soli 24.000 voti di scarto. La verità è sotto gli occhi di tutti: questo governo è in crisi continua non per colpa della legge elettorale, ma per la sua propria inconsistenza politica. Se, però, la situazione è questa, per quale diavolo  di motivo si ritiene la riforma elettorale così urgente? E perché mai essa è divenuta il perno intorno al quale ruota tutto il dibattito politico?

Da quando le ultime elezioni si sono celebrate quindici mesi fa si sono verificate quattro nuove situazioni che spiegano questa centralità. Di seguito le passo in rassegna succintamente:

1) E’ nato il partito democratico. Si è trattato di parto travagliato ma, alla fine, il bambino è venuto fuori: brutto, rachitico, con un’anima incerta ma pur sempre una creatura. Con il tempo, è destinato a crescere ed esigerà il suo spazio provando ad allargare verso il centro il territorio della famiglia d’origine.

2) La nascita del Pd, tra l’altro, ha provocato una serie di scissioni a sinistra: alcune palesi altre ancora carsiche. Anche per queste diaspore, l’anti-berlusconismo, da solo, non è più in grado di tenere insieme la coalizione che ha vinto le elezioni. Per ora soccorre la paura dell’abisso. Ma resta il fatto che la sinistra, così com’è ridotta oggi, non è in grado di presentarsi in un unico fronte al cospetto degli elettori.

3) La terza situazione inedita è, in realtà, una pervicace resistenza. Si, proprio così: alla vigilia delle ultime elezioni, infatti, molti tra avversari e alleati avevano scommesso sulla fine politica di Berlusconi. Alcuni avevano persino scritto il necrologio firmando il fondo del giornale da loro diretto. Invece, è bastato un anno di governo della sinistra per rilanciare il carisma di Berlusconi, anche oltre i territori della sua parte politica. E, ancor più, per offrire al suo partito, Forza Italia, l’opportunità di radicarsi come mai prima: il 27, 4% alle elezioni amministrative, oltre 400.000 iscritti, circa 2000 congressi comunali celebrati, scuole di formazione in tuta Italia per la generazione più giovane.

4) Infine, l’evenienza è la più recente. Su questa legge elettorale da qualche giorno pende la minaccia del referendum abrogativo, che ha ora anche ufficialmente superato il quorum delle 500.000 firme. L’iniziativa, di per sé, non è esaltante. L’esito che si propone, infatti, (ridurre la frammentazione partitica) è facilmente aggirabile senza una conseguente modifica dei regolamenti parlamentari. Si tratta, tuttavia, d’iniziativa legittima il cui significato politico di fondo è condivisibile: evitare che il bipolarismo conquistato nel 1994 possa andare definitivamente disperso, con un ritorno al tempo nel quale a fare i governi non erano i cittadini ma gli accordi tra i partiti.

Quale bipolarismo?

Ma di quale bipolarismo si sta parlando? I nostalgici dell’antico regime da tempo pongono polemicamente questo interrogativo. Il fatto è che, da un po’ di tempo, il quesito si sta insinuando anche nella testa e nei cuori di quanti, invece, al bipolarismo avevano veramente creduto. Ve ne è ben donde. Ci si chiede, infatti, come possano continuare a stare insieme, a sinistra, partiti che non solo si fanno una concorrenza spietata, lucrando sulle reciproche disgrazie, ma che ormai hanno orizzonti ideologici antagonisti. Senza poi parlare della convivenza forzata tra i cosiddetti cattolici democratici e gli “zapateriani” nostrani: antitesi che nemmeno i curiali equilibrismi di Rosy Bindi sono riusciti a sanare. A destra, in confronto, lo scenario si presenta certamente meno mosso. Resta comunque il fatto che gran parte del potenziale riformatore che si sarebbe potuto sprigionare la scorsa legislatura è andato perso per il tentativo degli “alleati” di costruire uno scenario che prescindesse da Berlusconi: da colui il quale più di ogni altro era il detentore legittimo e riconosciuto della vittoria elettorale dalla quale quell’esperienza di governo era scaturita. E nessuno, proprio nessuno, può giurare che se si dovesse vincere di nuovo, non si ritornerebbe al punto di partenza. Anche con Follini ormai dall’altra parte.

Di fronte a questo capolavoro d’astrattismo è lecito domandarsi se non si possa trovare un sistema per rendere il sistema meno ingessato, pur preservandone la curvatura bipolare. In termini più semplici, c’è da chiedersi se la nascita del Partito Democratico da un canto e il rafforzamento di Forza Italia dall’altro, non abbiano creato le condizioni affinché vi siano, finalmente, due grandi forze di centro-sinistra e di centro-destra normalmente antagoniste e veicolo d’integrazione per gli altri partiti più estremi, presenti nei rispettivi schieramenti. Ma pronte, all’occorrenza, ad allearsi tra loro nel caso di grandi emergenze nazionali o anche quando il prezzo richiesto dagli alleati “estremisti” diventi troppo alto.

  La domanda più che legittima è doverosa. Quel che ho descritto, infatti, è lo schema di funzionamento di ogni sistema bipolare maturo: quello del quale ci parlarono nei loro classici Johann Caspar Bluntschli e Walter Bagehot. Esso, in quanto radicato nella coscienza del Paese, non dovrebbe aver bisogno di correzioni ortopediche date dai premi di maggioranza o di altre astrusità inventate dagli ingegneri istituzionali. Al centro, in quel tipo di bipolarismo, rimangono gli elettori moderati i quali, a seconda delle circostanze e dei programmi, decidono quale dei due schieramenti premiare. E le differenti identità politiche sono comunque rispettate, a condizione di superare una certa soglia di consenso.

Andare oltre l’italo-tedesco.

A questo punto, però, va evitata l’ingenuità libresca, che in politica è colpa delle più gravi. Urge, per questo, un’altra domanda: tale bipolarismo ideale può essere garantito, qui e subito, da quel sistema convenzionalmente detto “tedesco”, ovvero da un sistema proporzionale con sbarramento al 5%?

Io credo che in Italia un’unica ragione osti a dare al quesito risposta affermativa. Ed è la presenza di una potenziale forza di centro – l’Udc di Casini, transfughi della Margherita, pezzottiani arrembanti -  che per vocazione e sensibilità è portata a evadere lo schema bipolare, che è invece ormai radicato nella coscienza popolare. Questa presenza, anche al di là delle intenzioni dei suoi stessi interpreti principali, potrebbe rivelarsi sufficiente a trasformare la ricerca di un miglior bipolarismo nella fine di ogni bipolarismo. Nella deriva che si verrebbe a creare, infatti, rivivrebbero le rendite di posizione di un tempo, i veti ad personam, persino i governi balneari ed altro ancora. Lo scettro verrebbe così sottratto dalle mani dei cittadini anche per quella parte che essi ancora posseggono. E la casta diverrebbe qualcosa di più consistente di un fortunato pamphlet qualunquistico sull’illegittimità del potere politico.

Sia chiaro: io non sto ponendo un problema moralistico, ma un problema politico che esige una risposta politica. Essa potrà giungere attraverso l’evoluzione dell’attuale quadro partitico o, più facilmente, attraverso la ricerca di un sistema elettorale che, insieme, conceda più elasticità al sistema e renda, al contempo, meno gloriose le sorti della restaurazione centrista. A cercar bene in giro se ne trovano.

La ricerca dovrebbe essere condotta, insieme, dalle due forze egemoni, rispettivamente nel centro-destra e nel centro-sinistra, a suggello della loro autorità sui rispettivi schieramenti e di quella reciproca legittimazione che è condizione necessaria (anche se non sufficiente) affinché la nascita di un bipolarismo non divenga lo strumento per ammazzare il bipolarismo che c’è.

Se non vi sarà forza e fantasia per percorrere insieme questo pezzo di strada - altro che i tre emendamenti dei quali parla il Ministro Chiti! - mi permetto di avanzare un consiglio finale a Forza Italia: si arrocchi sulla correzione dell’attuale legge elettorale e, se rifiutata, vada avanti fino al referendum. Con onestà, affermi che esso non è una soluzione ma non ne abbia paura. Di fronte alla prospettiva di smarrire l’anima, meglio attrezzarsi a seguire, nostro malgrado e come meglio si può, i percorsi contorti che la storia ci propone.   

  •  
  •  

1 COMMENT

  1. PERFETTO
    Assolutamente perfetto. Ho deciso: corro il rischio di sembrare eccessivo e di dare l’impressione di scivolare nella piaggeria. Ma nel mio picolo condivido rigo per rigo, parola per parola, virgola per virgola tutto ciò che ha scritto il senatore Quagliariello. Un’analisi che, tra l’altro, mi rinfranca perchè confesso che quella recente frase di Berlusconi (“Questo bipolarismo non funziona”) mi aveva un po’ preoccupato. Il percorso indicato dalla “Bussola” odierna, invece, mi sembra giusto e realistico, convincente e praticabile. Spero che Forza Italia si ritrovi compatta attorno a questo progetto. Altrimenti a noi singoli elettori resterà effettivamente solo la strada del referendum per evitare il ritorno ad ambiguità, consociativismi, instabilità e paludi veterocentriste da Prima Repubblica.
    Cordiali saluti
    – Enzo Sara –
    Avellino, 24/07/2007

Aggiungi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here