Usa, lo speaker McCarthy: “Sostengo sforzi Meloni contro aggressione Cina”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Usa, lo speaker McCarthy: “Sostengo sforzi Meloni contro aggressione Cina”

Usa, lo speaker McCarthy: “Sostengo sforzi Meloni contro aggressione Cina”

28 Luglio 2023

“La visita del presidente del consiglio Giorgia Meloni è molto importante,” ha scritto ieri lo speaker della Camera Usa, Kevin McCarthy, su Twitter, dopo il suo colloquio a Capitol Hill con il premier. “Sostengo le azioni dell’Italia per ridurre la dipendenza dal gas russo e per affrontare la crisi dei migranti nell’Europa meridionale. E lodo i suoi sforzi per affrontare la crescente aggressione dalla Cina comunista”.

L’alleato americano guarda all’Italia con occhi diversi rispetto al passato, recente, quando i governi del nostro Paese hanno rischiato di spostare il baricentro euroatlantico dell’Italia. “Nessuno mette in discussione che con Pechino si possano sviluppare formule di cooperazione economica, ma la natura primaria del Memorandum era e resta squisitamente politica”, ha detto ieri Stefania Craxi, presidente della commissione Affari Esteri e Difesa a Palazzo Madama, replicando a chi sostiene che Biden abbia imposto a Meloni di lasciare la “Via della Seta”.

Intanto Reuters pubblica un rapporto attribuito alla intelligence Usa. Secondo l’Office of the Director of National Intelligence, in un rapporto non classificato reso noto dalla House Permanent Select Committee on Intelligence, la Cina sta aiutando la Russia a eludere le sanzioni occidentali, fornendo con buona probabilità a Mosca tecnologia da utilizzare in Ucraina. Ieri, in Germania, secondo Handelsblatt, l’Università di Erlangen-Norimberga ha deciso di escludere i dottorandi inviati dal governo cinese a causa del possibile rischio di spionaggio.

Al momento, il mondo vive forti tensioni tra Cina e America, con le aziende produttrici di chip oggetto di sanzioni e il legislatore americano convinto di dover mettere un freno a TikTok, l’applicazione cinese di video brevi.