Dl Missioni Internazionali, Causin: “Testo unificato buona base di partenza, molte novità positive”

LOCCIDENTALE_800x1600
LOCCIDENTALE_800x1600
Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Dl Missioni Internazionali, Causin: “Testo unificato buona base di partenza, molte novità positive”

03 Marzo 2015

“Il testo unificato è una buona base di partenza, che rimane aperto a eventuali integrazioni o modifiche da parte di tutti i gruppi, con l’obiettivo di arrivare ad un testo soddisfacente e il più largamente condiviso. L’auspicio ora è che le commissioni adottino a larga maggioranza il testo proposto dai relatori” lo dichiara Andrea Causin, deputato di Area Popolare e relatore della legge quadro sulle missioni internazionali, discussa oggi nelle commissioni riunite Affari Esteri e Difesa. “Sono molte le novità introdotte nel testo: dal più forte ruolo di vigilanza in sede di autorizzazione del Parlamento, alle procedure di autorizzazione che si incardineranno su tre passaggi, comunicazione al Presidente della Repubblica, deliberazione del Consiglio dei ministri e, infine, autorizzazione delle Camere. Per quanto riguarda, invece, il finanziamento, è prevista l’istituzione di un apposito fondo nella legge di stabilità, alla quale spetterà di stabilire anno per anno l’ammontare delle risorse complessivamente destinate alle missioni” aggiunge Causin. “Tra le novità più interessanti, inoltre, sarà prevista una sessione parlamentare di discussione delle missioni. Questa, dovrà svolgersi nelle Aule di Camera e Senato, alla presenza del Governo. Quest’ultimo dovrà presentare, ogni anno, una relazione sulle missioni, sulla quale le Camere svolgeranno dibattito che si concluderà con l’adozione di deliberazioni, che potranno tradursi in mozioni o risoluzioni al Governo” conclude.