Libano. Hariri presenta la lista dei ministri del governo di unità nazionale

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Libano. Hariri presenta la lista dei ministri del governo di unità nazionale

07 Settembre 2009

Il primo ministro incaricato libanese Saad Hariri ha presentato poco fa al presidente della Repubblica Michel Suleiman la lista delle 30 personalità a cui intende affidare i dicasteri del suo futuro "governo di unità nazionale".

Suleiman ancora non si è pronunciato in merito e intende "studiare la proposta" prima di decidere. Lo ha reso noto lo stesso Hariri dopo l’incontro con il presidente. "Il presidente mi ha comunicato che studierà la proposta prima di decidere", ha detto Hariri, che ha ricevuto l’incarico di formare l’esecutivo 11 settimane fa.

La lista dei ministri che ha presentato, ha aggiunto, "rispetta il risultato delle elezioni" del 7 giugno scorso, in cui l’alleanza guidata da Hariri ha ottenuto la maggioranza. Da allora egli ha condotto difficili negoziati con i leader dell’opposizione, in particolare con il cristiano Michel Aoun, che chiede cinque ministeri, compreso quello delle telecomunicazioni per Gebran Bassil, suo genero. Una richiesta respinta da Hariri, nonostante il movimento sciita Hezbollah abbia più volte messo in chiaro il rifiuto dei partiti di opposizione da esso guidati di prendere parte a qualsiasi governo qualora le richieste di Aoun non vengano accolte.

Per tentare di sbloccare lo stallo, Hariri ha proposto ministeri "a rotazione", ovvero che vengano assegnati a tempo limitato alternativamente a personalità diverse dei due schieramenti. Una proposta che sostanzialmente rispetta le basi dell’accordo generale tra i due schieramenti, secondo cui l’esecutivo deve essere formato da 30 ministri, di cui 15 della maggioranza, 10 dell’opposizione e cinque "neutrali" nominati dal presidente Suleiman. Secondo l’emittente tv Lbc, Suleiman potrebbe comunicare la sua decisione nel giro di tre o quattro giorni.