Mafia. Arrestato latitante nel Palermitano, si trovava a casa sua

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Mafia. Arrestato latitante nel Palermitano, si trovava a casa sua

19 Settembre 2009

I carabinieri della Compagnia di Partinico (Palermo) ed il Nucleo Operativo del Gruppo di Monreale hanno arrestato pochi minuti fa Salvatore Bagliesi, 51 anni, uomo d’onore legato al mandamento Vitale-Fardazza di Partinico.

Bagliesi era latitante dalla fine del 2008 quando era stato condannato per il duplice omicidio di mafia, avvenuto nell’aprile del 1999, di Francesco Paolo Alduino (in contrasto con il clan Vitale – Fardazza) e Roberto Rossello. L’uomo aveva pedinato la vittima, Francesco Paolo Alduino, avvisando il gruppo di fuoco della sua posizione (il forno che gestiva), all’interno del quale purtroppo vi era anche Rossello, che rimase ferito e morì dopo circa quindici giorni.

A fare fuoco con il fucile fu Michele Seidita (successivamente divenuto collaboratore di giustizia). Le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Partinico e del Nucleo Operativo del Gruppo di Monreale sono durate meno di un anno e terminate questo pomeriggio quando i militari hanno circondato la sua abitazione in via delle Capre a Partinico.

Bagliesi, alla vista dei carabinieri, ha tentato inutilmente la fuga, dal momento che la zona era stata cinturata ed si era alzato un elicottero dell’Arma del 9° elinucleo di Palermo Boccadifalco. In questo momento Bagliesi viene portato presso la caserma dei Carabinieri di Monreale.