Palermo. Maxioperazione dei Carabinieri, 4 arrestati e 34 denuciati

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Palermo. Maxioperazione dei Carabinieri, 4 arrestati e 34 denuciati

15 Settembre 2009

È di 4 persone arrestate e altre 34 denunciate il bilancio di una maxioperazione di controllo eseguita dai Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo diretto dal Colonnello Teo Luzi "per scoraggiare rapinatori ed autori di reati contro il patrimonio". Diverse le zone interessate dall’attività di prevenzione e repressione dei Carabinieri.

I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo hanno arrestato due palermitani responsabili di tentato furto all’interno di un bar. Si tratta del 45enne, Antonino Prestigiacomo e del 27enne Calogero Costa, entrambi residenti nel noto quartiere dello Zen. I Carabinieri sono stati inviati dalla Centrale Operativa presso il bar denominato "Zeus", in piazza Castelforte, perchè era stato segnalato un probabile furto in atto. Sul posto, i Carabinieri hanno notato una scala in ferro, appoggiata al muro, che conduceva ad una finestra di un appartamento adiacente al bar, dal cui interno provenivano chiaramente dei rumori. Utilizzando la stessa scala, i Carabinieri sono andati all’interno dell’abitazione, da tempo disabitata, notando che la parete confinante con i locali del bar presentava un grosso foro ai piedi del quale venivano rinvenuti alcuni attrezzi da scasso ed una grossa piccozza. Una volta dentro il bar, i Carabinieri hanno rinvenuto altri attrezzi da scasso e si sono accorti che la porta di ingresso presentava evidenti segni di effrazione. Le ricerche dei militari dell’Arma si sono concluse sul tetto della palazzina, dove i due malviventi venivano scovati e bloccati nonostante il tentativo di nascondersi.

I Carabinieri hanno poi arrestato un 16enne palermitano, perchè responsabile di furto aggravato in concorso in quanto è stato sorpreso unitamente ad un altro complice, che si è dato alla fuga, ad asportare macchinari ed attrezzature all’interno di un panificio di questo viale Strasburgo. Il giovane è stato associato presso il locale Centro prima accoglienza "Malaspina" a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. I Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Palermo hanno arrestato un pluripregiudicato mentre era tranquillamente impegnato a gustarsi le "stigghiole" (interiora di animali alla griglia ndr) accanto ad un chiosco, vicino via del Foro Italico, quando è stato intercettato e bloccato dai Carabinieri.

In carcere è finito Salvatore Bronte, ricercato dal 12 agosto di quest’anno poichè sottrattosi ad un decreto di ripristino della custodia cautelare in carcere emesso dall’ufficio di Sorveglianza di Palermo, in quanto ritenuto responsabile di "evasione" dagli arresti domiciliari a cui era stato precedentemente sottoposto per il reato di "rapina aggravata". Dodici persone sono state dneunciate poi per guida in stato di ebbrezza alcolica; 5 persone per «ricettazione», poichè fermati alla guida di autoveicoli proventi di furto, eseguendo il contestuale sequestro di altrettanti veicoli; una persona responsabile di "detenzione illegale di armi e oggetti atti ad offendere"; 7 persone per "detenzione ai fini di spaccio" provvedendo al contestuale sequestro di complessivi 30 grammi di sostanza stupefacenti; 9 persone per "guida senza patente" e "falsità in scrittura privata" poichè sorpresi a condurre autoveicoli sebbene privi di documento abilitante alla guida, in quanto mai conseguito, e polizza assicurativa falsificata. Si è provveduto, infine, alla segnalazione di 57 giovani al locale Ufficio Territoriale del Governo in quanto assuntori di sostanze stupefacenti.