Scuola. Gelmini: “Via gli insegnanti che vogliono fare politica”

Dona oggi

Fai una donazione!

Gli articoli dell’Occidentale sono liberi perché vogliamo che li leggano tante persone. Ma scriverli, verificarli e pubblicarli ha un costo. Se hai a cuore un’informazione approfondita e accurata puoi darci una mano facendo una libera donazione da sostenitore online. Più saranno le donazioni verso l’Occidentale, più reportage e commenti potremo pubblicare.

Scuola. Gelmini: “Via gli insegnanti che vogliono fare politica”

14 Settembre 2009

"Se un insegnante vuol far politica deve uscire dalla scuola e farsi eleggere. Ci sono alcuni dirigenti scolastici e insegnanti, una minoranza, che disattendono l’attuazione delle riforme: criticare è legittimo ma comportarsi così significa far politica a scuola e questo non è corretto". Lo afferma il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, secondo cui le manifestazioni dei precari odierne coinvolgeranno "un numero limitato di persone".

Intervistata dal Corriere della Sera, Gelmini spiega che il numero sarà "limitato rispetto ai tanti genitori e studenti che non si vogliono più accontentare di una scuola mediocre". La protesta, aggiunge, "esprime un disagio reale che va rispettato. Ma la sinistra preferisce salire sui tetti per esprimere la solidarietà ai professori e cavalcare il disagio sociale senza assumersi responsabilità per il passato. La scuola non può essere il luogo della protesta della sinistra e della Cgil".

"Per anni – prosegue il ministro – complici i sindacati, si è data la sensazione che ci fosse spazio per tutti quelli che volevano fare gli insegnanti, per poi lasciarli in graduatoria anni ed anni. Sono state vendute illusioni che si sono trasformate in cocenti disillusioni", Tuttavia, "credo che nei prossimi 5 anni, grazie ai prepensionamenti, la gran parte di questi precari verrà assorbita negli organici". Per gli studenti stranieri, conclude Gelmini, "dall’anno prossimo ci sarà un limite del 30%", altrimenti "rischiamo di creare delle classi ghetto".