Marco Vicenzino

Il fardello dell’Europa a due velocità è ricaduto tutto sulle spalle della Merkel