Home 2009

Guido De Franceschi

BIO

Articoli

Editori

Vita Felice (e non solo) di una piccola editoria di successo

0
  Tre sigle e mezzo della piccola editoria e una sola regia: quella di Gerardo Mastrullo. Si tratta de “La Vita Felice”, di “BookTime”, di “Otto/Novecento&

Libri

Anche i classici prima di diventare classici hanno fatto la loro gavetta

0
A guardarli con gli occhi dei loro contemporanei, i libri diventati classici prendono tutta un’altra forma, al netto delle porpore e degli allori successivi. Diventano carta, inchiostro, prob

Editori

Fenomeni editoriali che dalla Barbagia arrivano dritti dritti al Continente

0
Anche in una piccola città, appartata su un’isola, c’è spazio per l’editoria di qualità. Nel caso di Nuoro, neppure 40 mila abitanti, negli ultimi anni ben du

Dall'estero

Per gli israeliani la letteratura italiana è viva e lotta insieme a loro

0
Chi ha letto sul Corriere della Sera di martedì scorso l’ottima corrispondenza di Francesco Battistini dalla ventiquattresima Fiera del libro di Gerusalemme è rimasto forse un p

Editori

La nuova frontiera della letteratura parte dalla Gran Vìa e arriva a Lisbona

0
Una penisola, quella iberica. Due grandi letterature, quella spagnola e quella portoghese. Con parenti diffusi in metà del globo. Tutto il Centroamerica parla castigliano, una lingua che tro

Faccia a faccia

Sergej Dovlatov, malinconia umoristica di un narratore a metà fra Usa e Urss

Sellerio ha appena pubblicato “Il giornale invisibile” (180 pagg., euro 11), nono titolo dello scrittore russo Sergej Dovlatov nel catalogo dell’editore palermitano. Dovlatov &egr

Dall'estero

All’Europa l’Italia del crimine piace. Anche a fumetti

0
Il fumetto non gode nel nostro paese di buona salute. L’interesse per i comics si è via via ridotto e i pochi fans superstiti popolano una nicchia sempre più piccola e semicland

Editori

Svizzera, quel multiculturalismo editoriale che ci piace

1
In principio – correva l’anno 1924 – era una libreria di Bellinzona. In principio – sbocciavano allora gli anni Sessanta – era una tipografia di Locarno. Questi gli es

Faccia a faccia

Cattiva critica, cattiva letteratura. E’ la mediocrità il marchio dell’epoca

Da più parti si intona il de profundis per la critica letteraria. Piergiorgio Bellocchio, che fu il fondatore dei celebri “Quaderni piacentini” e più tardi visse con Alfon

Dall'estero

Anche agli inglesi piace il made in Italy, ma solo quello di Ammaniti

0
Venduto in quindici paesi. Tradotto in ventiquattro lingue. Agli editori piace molto, ed è comprensibile, dare conto in quarta di copertina o nel risvolto dei successi oltrefrontiera dei pro

NEWS