Home 2011

Raffaele Iannuzzi

BIO

Articoli

Sopravvivere sotto un governo 'sobrio'

Come resistere al germanico Magris rileggendo “Tennis” di Gaber

0
Claudio Magris, l’elegante e fine intellettuale, amato da tutti coloro che si sono elevati di almeno un paio di spanne rispetto all’italiano medio, rozzo, becero e – che schifo! &

Le chiacchiere stanno a zero

Se la politica avesse fatto politica ora Monti starebbe a fare il professore

1
“Il Monti ha partorito un topolino”. Il commento, sacrastico e gustoso, dell’editoriale politico di Giancarlo Loquenzi da parte di un lettore, aiuta non poco. Aiuta non soltanto l

Riflessioni sul patto Pd-Fini e la pasionaria Concita

Se si perde d’occhio la realtà, la politica si suicida e tutto si sgretola

0
Prendo le mosse dall’ultima parte dell’uovo di giornata del Direttore Loquenzi, dedicato alla pasionaria “geniale”, De Gregorio Concita, a suo tempo direttrice del quotidian

Il contestatore

Il neoliberalismo nel nostro Paese vale come la vittoria di Pirro

2
Lasciamo da parte la questione tagli ai cosiddetti “enti inutili” o reali “enti inutili”, per sensibilità a loro dire “liberali”. Questo neoliberalismo di

Assemblea del Pontificio Consiglio per i Laici

Benedetto XVI parla al mondo laico col linguaggio illuminato del vero liberale

1
Benedetto XVI è il Papa della Città di Dio che abbraccia la Città dell’uomo. E’ stato osservato, con Chesterton, che il cuore della fede sia la metànoia, la

Fare i conti con l'antipolitica

Nel “capitalismo relazionale” dell’Italia contano solo peones e superburocrati

2
Mi basta e mi avanza. Flores d’Arcais sul Fatto Quotidiano, organo dell’Idv e di Travaglio, fa l’apologia dell’“antipolitica democratica” e chiede che si faccia

Il contestatore

Ma che senso ha la “guerra” dei Cardinali che è scoppiata in Vaticano?

1
Il Card. Christoph Schönborn, Arcivescovo di Vienna e a capo della conferenza episcopale austriaca, è persona mite e intelligente. Capace di un’intelligenza plastica e spirituale,

Il dibattito sui 150 anni dell'Unità

Viva l’Italia dei quattro cantoni e addio al centralismo giacobino

2
Non c’è niente da fare. Il politicamente corretto alla fine stufa. E’ palloso e stantìo e soprattutto non indica nessuna strada alla politica. Il limite più grave.

Il contestatore

Quella brillante mediocrità politica che accomuna Fini a D’Alema (e non al Cav.)

7
Massimo D’Alema, classe 1949. Gianfranco Fini, classe 1952. Due uomini, due politici, un unico destino che li accomuna: la brillante mediocrità. D’Alema è un mediocre di s

Il contestatore

E’ inutile girarci intorno: la Lega ha un progetto politico, Fini no

4
“Deus amentat quos perdere vult”. Dio acceca chi vuole perdere. E’ quanto sta accadendo nei confronti della Lega. Il teatro di questa logomachia è “Omnibus”, gi

NEWS